Polemiche nell’Ue sulla nuova Costituzione ungherese

18 gennaio 2012 11:27 0 comments

Intervista col vescovo ausiliare di Budapest

Radio Vaticana, 13 gennaio 2012

Dal primo gennaio, l’Ungheria si è dotata di una nuova Costituzione, denominata “Legge Fondamentale”. Alcune parti del nuovo codice hanno suscitato reazioni critiche specie in ambito europeo, soprattutto per ciò che riguarda la libertà di espressione e di religione nonché l’autonomia della Banca centrale. Al microfono di Marta Vertse, incaricata del programma ungherese della nostra emittente, il vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Esztergom-Budapest, mons. János Székely, illustra le principali novità della nuova Carta costituzionale:

R. – La nuova Costituzione di Ungheria approvata nel 2011, che inizia con il nome di Dio nel preambolo, afferma che la vita umana è da difendere fin dal concepimento e dichiara che l’Ungheria difende l’istituzione familiare, la quale è un’alleanza di vita fra un uomo e una donna. La Costituzione precisa inoltre che la famiglia è il fondamento della sopravvivenza del popolo, e che nello stabilire delle tasse, anche i costi dell’educazione dei figli devono essere presi in considerazione. È chiaro, che a molti intellettuali europei non piace tale affermazione di valori fondamentali, anzi li stimola all’attacco. Inoltre il governo ungherese ha imposto una tassa supplementare, transitoria alle banche a causa della crisi economica. Questa decisione preoccupa non poco il mondo della finanza.

D. – In che cosa consiste la nuova legge sui media che viene duramente criticata dalla stampa mondiale?

R. – Nel testo originale della legge c’erano alcune misure esagerate. La legge voleva, ad esempio lo stesso controllo statale sui giornali, che gli Stati europei generalmente praticano sulla stampa elettronica. Tali misure esagerate sono state corrette e cancellate dal testo seguendo i suggerimenti della Corte costituzionale ungherese e di alcuni organi europei.

D. – Leggiamo dappertutto che in Ungheria “sono ridotte le confessioni riconosciute” e che è in pericolo la libertà di religione. Come viene definita dalla nuova legge la nozione di “Chiesa”?

R. – Lo scopo di questa legge è di togliere lo stato giuridico di “Chiesa”, nel diritto civile ungherese, dalle “Chiese a scopo di lucro” (“business churches”). Bisogna sapere che in Ungheria, a differenza per esempio dell’Italia, le scuole e gli istituti sociali e sanitari delle Chiese ricevono dallo Stato lo stesso finanziamento che hanno scuole e ospedali statali. Le scuole delle Chiese quindi sono gratuite per le famiglie, nello stesso modo di quelle statali. Per questo sono nate numerose Chiese fittizie, il cui unico scopo era di approfittare del sovvenzionamento statale. La legge attuale formula più dettagliatamente le condizioni per cui una comunità può essere riconosciuta dallo Stato come Chiesa (per es. 1.000 membri, la presenza della comunità in Ungheria da almeno 20 anni). Quelle comunità religiose, che non hanno ricevuto lo stato giuridico di “Chiesa” possono tranquillamente esistere come prima, ma non riceveranno i sussidi statali. La legge stessa conferisce lo stato giuridico di “Chiesa” ad alcune comunità religiose, le altre possono richiedere tale stato nel futuro.

D. – Per ciò che riguarda invece la crisi finanziaria, quali misure ha adottato il governo ungherese?

R. – Certamente, il governo attuale ungherese ha commesso anche degli errori. Nella legge sulla Banca centrale ha effettuato alcuni cambiamenti che sembravano diminuire l’indipendenza della Banca centrale dal governo. In realtà il governo dichiara e vuole rispettare l’indipendenza della Banca centrale, ma i cambiamenti nella nuova legge erano inutili, e davano adito ad accuse. Inoltre il governo ha voluto aiutare i privati indebitati in franchi svizzeri o in euro. Nel fare questo il governo ha cambiato i contratti di prestito contrattati fra diverse banche e gli indebitati. Questo ha provocato la protesta delle banche. Il governo avrebbe dovuto mettersi d’accordo con le banche, e dopo un tale accordo aiutare le persone indebitate. Tale accordo ormai è stato concluso. Gli indebitati, le banche e lo Stato hanno diviso i costi dell’indebolimento della valuta ungherese.

Link all’articolo originale

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →