Famiglia o famiglie?

4 aprile 2012 15:00 442 comments

Forum delle Associazioni Familiari

Il quotidiano “La Stampa” ha ospitato il 27 marzo scorso un articolo firmato da Vladimiro Zagrebelsky, giudice della Corte europea dei diritti dell’uomo, che essenzialmente chiedeva al Parlamento italiano di introdurre una sostanziale omologazione delle unioni di fatto e delle coppie omosessuali in particolare alla famiglia tradizionale (Anche quelle sono “famiglie”).

Il Presidente del Forum delle Associazioni Familiari Francesco Belletti ha risposto a quelle affermazioni con un testo ampio ed argomentato dal titolo “La famiglia senza virgolette” che di seguito pubblichiamo.

::

Il prof. Zagrebelski su queste colonne ha proposto alcune riflessioni sulla sentenza del Tribunale di Reggio Emilia che ha concesso il permesso di soggiorno “per ricongiungimento familiare” ad un cittadino extracomunitario coniugato in Spagna con un cittadino italiano. L’articolo ripercorre i criteri e i legami tra giurisprudenza nazionale e legislazione europea, e conclude con un richiamo al Parlamento a prendere una decisione perché “regoli una buona volta la materia”, che secondo Zagrebelski significa “riconoscere e disciplinare le unioni omosessuali”.

Ma nel testo le argomentazioni oscillano tra matrimonio, coppia, unione, famiglia, in una ambiguità che rende tutto uguale a tutto e che soprattutto genera un corto circuito generale tra legislazione nazionale, prescrizioni europee, aspetti sociologici e “punti di vista”. Il titolo stesso dell’articolo, “Anche quella omosessuale è “famiglia”, con le virgolette attorno alla parola famiglia, evidenzia che qualcosa non quadra.

Tre principali considerazioni pensiamo possano contribuire al dibattito.

In primo luogo, prima di entrare nel merito della questione “identità giuridica della famiglia” nel nostro Paese, conviene ricordare che il ricongiungimento familiare è per noi – e per l’Italia – un potente strumento di promozione dell’integrazione sociale e di regolazione virtuosa dei flussi migratori di una società che sempre più diventa – fortunatamente – interculturale: la migrazione “a misura di famiglia”, soprattutto con bambini, è più stabile, più dialogica, e porta nel nostro Paese la ricchezza di altre culture, nell’incontro con la nostra cultura. Però – qui sta il punto – l’identità della famiglia viene definita qui, nel nostro Paese, dal nostro sistema giuridico. Dispiace quindi che un valore forte, come il “ricongiungimento familiare”, venga distorto per sostenere i presunti “diritti familiari” di situazioni che devono essere “riconosciute” dalla legge del Paese ospitante.

Ma questo – seconda argomentazione – è ampiamente riconosciuto proprio dalla normativa europea sulla libera circolazione delle persone, invocata proprio dal giudice di Reggio Emilia, la quale rimanda con chiarezza la definizione di famiglia alla legislazione del Paese ospitante: il diritto dei cittadini dell’UE e dei loro familiari di circolare e soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri e riconosciuto al “partner che abbia contratto con il cittadino dell’Unione un’unione registrata sulla base della legislazione di uno Stato membro, qualora la legislazione dello Stato membro ospitante equipari l’unione registrata al matrimonio e nel rispetto delle condizioni previste dalla pertinente legislazione dello Stato membro ospitante”.

Questa è legge, che rispetta il principio di sussidiarietà (la legislazione europea non prevarichi quella nazionale sulle competenze riservate ad essa), ed è un’affermazione inequivoca, contrariamente a quanto affermano i giudici. E a quanto consta, in Italia non è regolamentata l’unione registrata, o almeno non ancora. Ma lo stesso prof. Zagrebelsky, nell’articolo in questione, riconosce che le più Alte corti nazionali quando affrontano la questione del matrimonio tra persone dello stesso sesso fanno riferimento all’articolo 2 della Costituzione (“formazioni sociali”) e non già all’art. 29 (“famiglia società naturale fondata sul matrimonio”). Altrettanto correttamente afferma che in virtù del divieto di ogni discriminazione è vietato trattare casi uguali in modo diverso: “ogni differenza deve essere fondata su una differenza rilevante della situazione disciplinata”.

Quindi come poter invocare il “ricongiungimento familiare”, in questo caso? Diverso, e non lo diciamo solo noi ma anche le istituzioni e la stessa Consulta, è il caso delle unioni civili, comprese quelle omosessuali, che non sono famiglia ma “formazioni sociali”. Appunto, casi diversi.

La terza e conclusiva riflessione riguarda pertanto la necessità di denunciare la progressiva “invasione di campo” da parte del Parlamento europeo, nell’insistere sulla richiesta agli Stati membri di riconoscere le coppie omosessuali e di equipararle alle famiglie; non sussiste alcun obbligo per gli Stati membri di regolamentare o equiparare le unioni di fatto anche omosessuali alla famiglia fondata sul matrimonio. Non è previsto né dai Trattati, né dalla Carta europea dei diritti dell’uomo né dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Ue.

Quindi, come già nell’infausta risoluzione approvata lo scorso 13 marzo, anche nella prossima plenaria il Parlamento europeo rischia di esulare dai propri confini senza che sia previsto dal Trattato. Infatti nascosto in una apparentemente innocua relazione sulla cittadinanza dell’Unione è stato inserito un richiamo a quegli Stati membri che non riconoscono né equiparano le coppie di fatto e le unioni omosessuali alla famiglia tradizionale. Neanche la necessaria armonizzazione dei sistemi giuridici europei o l’esercizio di un diritto può scardinare i principi costituzionali di ciascuno Stato e cancellare il fondamentale principio di sussidiarietà, avocando all’UE la sovranità delle Nazioni europee. Semplicemente, l’Ue non è competente in materia di diritto di famiglia.

È sempre possibile regolare le relazioni private tra gli individui, combattendo pregiudizio e discriminazione, anzi è un dovere di uno stato moderno: ma non è possibile pretendere che questa regolazione di “scelte di vita privata” conduca a ridefinire (o peggio, cancellare) lo specifico identitario della “famiglia” nella storia e nel diritto positivo di un popolo. Su questo la giurisprudenza dovrebbe fare un passo indietro.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →