La libertà delle persone è la vera questione

22 settembre 2012 21:39 49 comments

Di Angelo Panebianco

Corriere della Sera

17 settembre 2012

È rassicurante pensare, come molti in Occidente pensano, che le rivolte antiamericane e antioccidentali che si sono diffuse in tutto il mondo islamico, siano state il frutto di una regia eversiva orchestrata da gruppi di radicali islamici più o meno infiltrati da jihadisti di Al Qaeda. Le regie ci sono state certamente. Ma i calcoli e i progetti degli estremisti avrebbero fallito il bersaglio se non avessero potuto contare su un contesto favorevole, se non avessero sfruttato un habitat culturale in cui è facile trasformare le responsabilità individuali in «colpe collettive».

La cultura occidentale è una cultura individualista. Ciò significa che essa attribuisce all’individuo la responsabilità delle sue azioni. È questo fondamento individualista a giustificare il nostro sistema di libertà: tuteliamo le libertà individuali perché, dopo un lungo e travagliato processo storico, abbiamo fatto dell’individuo (e non di «entità collettive»: famiglia, clan, nazione, eccetera) il soggetto morale fondamentale delle nostre società.

Al di là del ruolo svolto da estremisti salafiti e qaedisti, l’aspetto più inquietante delle manifestazioni antioccidentali nel mondo islamico (come di quelle innescate, qualche anno fa, dalle vignette satiriche su Maometto) è il fatto che la responsabilità di un film offensivo non venga attribuita a chi lo ha prodotto, punto e basta, ma «all’America», al «governo americano», agli «occidentali». Per quanto crudele e ingiustificata (ai nostri occhi), la fatwa che Khomeini lanciò nel 1989 contro lo scrittore Salman Rushdie era pur sempre rivolta contro un individuo per le sue presunte colpe. Ma eravamo allora solo all’inizio di quel processo storico che è stato battezzato «risveglio islamico». Oggi, a risveglio islamico avvenuto, la responsabilità delle azioni di uno può essere imputata a tutti, a intere collettività.

È questa la vera frattura culturale. È questo il terreno che alimenta lo scontro di civiltà. Chi è figlio di una cultura individualista non parla solo una lingua diversa rispetto a chi non lo è, appartiene a un pianeta diverso, «vede» cose radicalmente diverse da quelle che vede l’altro. Le conseguenze sono devastanti. Da un lato, ipotecano la democratizzazione del mondo arabo torcendola e indirizzandola lungo binari pericolosi. Dall’altro, mettono sotto pressione le nostre libertà.

Piacquero a tutti, in Occidente, quei ragazzi che nel 2011 innescarono la rivolta contro il regime egiziano di Mubarak. Li riconoscemmo simili a noi: volevano quella stessa libertà di cui noi godiamo. Ma quei giovani erano minoranza. Scossero l’albero ma i frutti vennero raccolti dai movimenti islamisti. Per lo più «moderati» (secondo la fuorviante etichetta che noi occidentali appiccichiamo ai più realisti, ai più «politici», fra gli islamici). Moderati?

Già, ma perché allora, tanto per fare un esempio, il presidente egiziano Morsi ha già liberato molti estremisti islamici arrestati a suo tempo dai militari mentre lascia in galera i laici?
E perché i «moderati», ora democraticamente al potere in Tunisia, hanno già fatto i primi passi per cambiare (in peggio) la condizione legale delle donne?

Poiché le libertà degli individui poggiano su fondamenta individualiste, laddove quelle fondamenta manchino l’esito della democratizzazione può essere solo una democrazia illiberale. Questo spiega il paradosso solo apparente per cui le minoranze (a cominciare dai cristiani) si sentono più protette dalle dittature che dalle democrazie islamiche: temono, con buone ragioni, di cadere vittime della tirannia delle maggioranze.

Gli occidentali dovranno usare un mix di fermezza, diplomazia e realismo per trattare con quel mondo. Ma bisognerà anche evitare di credere che l’eventuale presenza di processi elettorali lo rendano simile al nostro: democrazia e protezione delle libertà individuali non sono sinonimi, né vanno necessariamente a braccetto.

A rischio ci sono anche i nostri principi e le nostre libertà. Chi scrive prova una profonda avversione per chiunque offenda gratuitamente i sentimenti dei credenti di qualunque religione. Ma non è questo il punto.

Il punto è che qui si parla di censure preventive, di processi ai colpevoli di islamofobia, eccetera. Si parla, cioè, di indebolire o compromettere il nostro sistema delle libertà. Il risveglio islamico, vuoi in variante jihadista vuoi in variante democrazie illiberali, comporta la richiesta a noi occidentali di diventare meno liberali. Avremo abbastanza coraggio e fermezza per respingere al mittente la richiesta?

Nella prima metà del XIX secolo Alexis de Tocqueville riconobbe nella democrazia il destino ineludibile dell’uomo moderno. Ma sostenne anche che essa avrebbe assunto, a seconda delle circostanze, l’uno o l’altro di due volti: liberale o dispotico. È una tesi sempre attuale.

::

49 Comments

  • corrado stefanini

    egregio professore, la sostanza del suo articolo si trova nel finale e non nelle premesse, e mi permetta un garbato dissenso, in quanto da credente, la mia logica è sostenuta dalla speranza, (cosi’ quando per le brigate rosse si temeva il peggio) ma mi permetta un paio di osservazioni (secondo Lei , chi ha girato il film , o disegnato le vignette su Maometto, quali intenzioni aveva???quello di esprimere la sua libertà? incurante di qualunque disapprovazione (aspirando forse solo al plauso e/o al profitto)?libero da qualunque regola civile,? persone educate? da fare docenza ai nostri figli? a me è sembrato solo un elefante dentro una cristalliera:::
    certo che la responsabilità penale è individuale,ed è bene che sia cosi’ nel nostro occidente) sta di fatto che pero’ avviene (da noi) che una sola svista di un arbitro puo’muovere folle di tifosi (libertà) dando luogo anche a guerriglie urbane…. da ultimo sono da presumere le regie eversive, alle quali senz’altro non hanmo partecipato i giovani che hanno dato vita alla cosiddetta primavera araba , in quanto acculturati che non seguono i pifferai… pertanto nel mio piccolo dissento dalle sue conclusioni, avendo speranza invece in una società libera,civile,fraterna. con i migliori saluti corrado stefanini

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →