Concilio rivoluzionario? Ratzinger lo nega, ora si ristudia la faccenda

8 ottobre 2012 12:43 2 comments

Di Paolo Rodari

05 ottobre 2012

Il Foglio

A destra come a sinistra, fra gli scismatici lefebvriani e i dossettiani della Scuola di Bologna, la critica all’ermeneutica (interpretazione) del Concilio Vaticano II proposta da Benedetto XVI nel discorso tenuto alla curia romana il 22 dicembre del 2005 è sostanzialemente la medesima.

L’ermeneutica “della riforma, del rinnovamento nella continuità dell’unico soggetto chiesa” auspicata dal Papa è un ostacolo alla vera ricezione del Concilio. Perché, dicono, sostenere che vi fu rinnovamento, ma nella continuità, significa dover concludere che nulla di nuovo è accaduto, e che di fatto non ha mai avuto luogo una riforma. Meglio ammettere da subito altro, dunque, e cioè che il Concilio è stato discontinuità e rottura. Una discontinuità negativa per i tradizionalisti, positiva invece per i progressisti.

A Roma, nell’imminenza dell’anniversario dei cinquant’anni dall’apertura del Concilio (11 ottobre), i diversi circoli sono scesi in campo.

Lo scorso 15 settembre diverse decine di studiosi in rappresentanza di più di cento sigle della sinistra cattolica si sono radunati a convengo discutendo su “chiesa di tutti, chiesa dei poveri”. La chiesa di tutti, hanno detto, è la chiesa del Concilio che “Giovanni XXIII volle pastorale e non dogmatico”. Ha aperto i lavori un messaggio del vescovo “rosso” Luigi Bettazzi, emerito di Ivrea. Quindi Raniero La Valle, cattolico di sinistra che ai tempi del Concilio dirigeva sotto la supervisione del cardinale di Bologna Giacomo Lercaro “L’avvenire d’Italia”.

E poi l’abate del dissenso “dom” Franzoni che ha ricordato “il tempo in cui Paolo VI, spogliandosi del triregno, non fece soltanto un gesto all’insegna della povertà e dell’aiuto verso le chiese più bisognose, ma volle dichiarare anche visivamente la rinuncia a ogni forma di potere temporale e di seduzione di quel tipo di potere sulla chiesa”.

Raniero la Valle, però, ha giocato d’astuzia spingendo sulla necessità di uscire dalla contrapposizione tra le varie ermeneutiche per fare piuttosto del Concilio l’ermeneutica alla luce della quale interpretare la stessa storia della chiesa. Un auspicio che coglie a suo modo un’opportunità strategica.

E’ più o meno sulla stessa linea, infatti, che ha deciso di muoversi il Vaticano. Per uscire da una situazione stagnante che vede due ermeneutiche contrapporsi senza superarsi, quella della “discontinuità e della rottura” e quella del “rinnovamento nella continuità”, la Santa Sede ha aperto, con benedizione papale, un convegno sotto la direzione del Pontificio comitato di scienze storiche e dell’Università lateranense. La missione è una: superare le contrapposizioni e arrivare, scientificamente, a una soluzione.

La strada non è agevole. Riesaminare tutto il Concilio alla luce di quanto dicono gli archivi privati dei padri conciliari, i loro diari dunque. Uno sforzo, dice padre Bernard Ardura, presidente del Pontificio comitato di scienze storiche, che “vuole promuovere una rilettura del Concilio aliena da ispirazioni ideologiche”.

Ripartire dalla storia, a onor del vero, è un’operazione già messa in campo proprio da quella scuola di Bologna accusata di interpretare ideologicamente il Concilio stesso. E’ questa scuola ad aver pubblicato cinque grossi volumi – la ben nota storia del Concilio Vaticano II (Bologna, 1995-2001), eseguita sotto la direzione del compianto professor Giuseppe Alberigo – che partono dalla convinzione che sia impossibile scrivere la storia del Vaticano II basandosi unicamente sui documenti ufficiali.

Ma dice Philippe Chenaux, docente di Storia della chiesa moderna e contemporanea alla Laternanense, che se il presupposto di questa immensa fatica è giusto, fuorviante è il risultato al quale si arriva. Dice infatti Chenaux: “La lettura del Concilio proposta dalla scuola di Bologna, quasi egemonica sul piano della storiografia nell’assenza di una vera e propria lettura alternativa basata sul metodo della storia, non è quella indicata dal magistero della chiesa sotto Giovanni Paolo II e Benedetto XVI”. Questi storici hanno visto il Concilio come “un evento” che “ha segnato una sorta di cesura nella storia della chiesa, una cesura tanto forte da rendere possibile l’individuazione di un ‘prima’ e un ‘dopo’ Vaticano II: il Concilio ha segnato per il cristianesimo la fine di un’epoca, quella postridentina, se non addirittura di quella post-costantiniana”. Insomma per questi storici “ciò che cambiò con il concilio non riguardava tanto le idee e gli uomini, quanto piuttosto il giudizio formulato su di essi, ciò che lo storico francese Etienne Fouilloux chiama ‘la netta inversione dei segni operata dall’evento’. Tanto che i teologi ritenuti sospetti o addirittura condannati qualche anno prima (i grandi nomi della nouvelle théologie, Congar, de Lubac, Daniélou, Chenu), sono diventati i maestri del pensiero del rinnovamento”.

L’intento del convegno vaticano non è invece quello di scrivere una “contro-storia” del Vaticano II, quanto piuttosto riprendere l’indagine storica sulla base di una documentazione la più larga possibile e senza a priori di tipo ideologico, “evitando – dice ancora Chenaux – di strumentalizzare la storia del Concilio per fini estranei alla storia stessa, per arrivare a una comprensione più equilibrata e più condivisa dell’evento e delle sue decisioni”.

Link all’articolo originale

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →