L’Italia s’è desta?

30 novembre 2012 10:22 14 comments

di Mario Veneziani

12-11-2012

cittanuova.it

 

C’è bisogno di una festa nazionale per celebrare l’unità della nazione? E davvero ha senso imparare a scuola l’inno di Mameli? Una riflessione.

Fa discutere la doppia proposta uscita di recente di istituire una nuova festa nazionale – il 17 marzo per celebrare l’Unità d’Italia – e di far studiare nelle scuole l’Inno di Mameli. La prima impressione è che l’Italia rimanga il Paese delle feste e dei “ponti”, i più lunghi possibili per poter “godere la vita”. È così che ci vedono spesso all’estero. Da molto tempo. Almeno fin dal Settecento, quando i facoltosi stranieri venivano in Italia per il Grand Tour, Goethe in testa, e rimanevano stupiti del gran numero di feste e dell’allegria (ma anche della poca onestà) degli Italiani. Ignoravano che le feste erano anche un modo per dimenticare – e far dimenticare – una povertà ancestrale assai diffusa.

Dunque, ha ancora senso indire una nuova festa civile? Se si pensa al 2 giugno – proclamazione della Repubblica – e al 4 novembre – che celebra le forze armate e la vittoria (?) nella Prima guerra mondiale – si resta perplessi. Queste feste ormai sono diventate occasioni per sfilate miliari, sfoggio di un bellicismo d’altri tempi e commemorazioni nostalgiche del tempo che fu. Magari, a Roma, ci si va per lo spettacolo delle “fiamme tricolori”.

Quanto all’Inno di Mameli da studiare nelle scuole – oltre che da cantare alle partite della Nazionale di calcio e in altre occasioni, anche conviviali – c’è da rimanere pure qui perplessi.

Ma non lo dovrebbero spiegare a scuola, i professori di storia? Pure, la proposta, a ben pensarci, non suona così strana, o, come si diceva un tempo, peregrina. L’Italia è cambiata.

La fuga dal “valore dei valori” – ci si perdoni il bisticcio – è sotto l’occhio di tutti, e sulle cause si può discutere all’infinito. Ma il fatto c’è, e l’esempio, purtroppo per le nuove generazioni, è venuto dall’alto, dagli adulti. Queste nuove generazioni ormai comprendono i figli degli immigrati, nati da noi, che parlano un italiano con inflessioni dialettali riconoscibili sia a Roma che in Sicilia, in Veneto come in Piemonte. Essi non conoscono la nostra storia, sembrano nati in un Paese che non ha radici, che non è “nazione”, ossia un popolo che ha una civiltà che li unifica.

Eppure, questo c’è stato, ben prima dell’unità politica. Al di là delle “piccole patrie”, come è ancora l’Italia, e dei regionalismi esasperati. L’idea perciò di una festa nazionale che ricordi l’Unità, raggiunta a prezzo di sacrifici e di sangue, non è una stonatura, ma una necessità. E va considerata ben prima delle altre due feste, che sono tappe di questa unità voluta e mantenuta. Ma ad una condizione.

Che finalmente in Italia si abbia il coraggio di dire la verità storica. Ci sono ancora troppi tabù, e chiunque, con un poco di istruzione legga un testo di storia ad uso degli studenti, si accorgerà della sottile ideologia che vi è nascosta e che distorce sovente la verità.

Alcuni esempi: la Resistenza vista quasi esclusivamente come opera delle sinistre, l’unità nazionale raggiunta con l’ostilità massonica alla Chiesa, il comportamento discutibile di Casa Savoia. Potremmo continuare.
Certo, non è facile cercare di dire la verità. Eppure, chi ha avuto l’idea della festa, dovrebbe prima di tutto puntare ad un cambio di mentalità storica, per non rischiare l’ennesima celebrazione retorica. Quanto poi allo studio dell’Inno di Mameli – mazziniano e repubblicano –, se non è inserito in un corso di storia che lo collochi nella sua giusta posizione, diventerà uno dei consueti optional dei professori. I quali dovrebbero essere i primi ad affrontare con coraggiosa obiettività la loro interpretazione della storia.

Alla fine, sembra necessario un cambio di mentalità. Per ritrovare le proprie radici. In modo che quello che un tempo si chiamava il Belpaese ritrovi sé stesso. L’Italia si deve veramente destare dal sonno della mediocrità. Forse queste proposte non arrivano inutilmente.

:::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →