Wish you were here

4 dicembre 2012 17:57 59 comments

di Costanza Miriano

4 dicembre 2012

costanzamiriano.com

Ieri mattina ho parlato al telefono con una donna che grazie al suo lavoro ha salvato dalla morte oltre dodicimila bambini. Con la voce rotta e stanca mi ha detto che ieri non era andata al suo lavoro, non sapeva se ce l’avrebbe fatta a tornare.

Quella donna si chiama Paola Bonzi. Da ventotto anni dirige il Centro di Aiuto alla Vita (CAV) della Clinica Mangiagalli di Milano. Le donne che decidono di abortire in quella clinica vanno a parlare con lei, perché la legge 194, che pure è una legge profondamente sbagliata, almeno prevede che ci sia un colloquio (che in realtà in molti ospedali non si fa davvero) per verificare se i motivi che spingono una mamma a uccidere il suo bambino possano essere rimossi. Questa donna con i suoi bellissimi occhi azzurri non vede (ha perso improvvisamente la vista quando era incinta), ma in compenso vede benissimo col cuore, e sa abbracciare le persone, sa dire “è una cosa buona essere vivi, è una cosa buona che tu sia venuta qui, le tue difficoltà io provo ad affrontarle con te, ti sono vicina”. È aiutata da un gruppo di volontari, pronti a tutto per salvare la vita di un bambino. A volte bastano le parole di Paola e dei suoi per permettere a una donna di ascoltare la sua voce interiore, la voce che, se non soffocata, dirà sempre a ogni mamma di difendere suo figlio. A volte le parole fanno scattare la molla del coraggio che trasforma ogni donna in una leonessa pronta a tutto per il suo cucciolo.

Altre volte le parole non bastano. Servono gesti di carità incarnata, e al CAV della Mangiagalli si faceva anche questo; pannolini, latte in polvere, busta della spesa, a volte anche una sistemazione per dormire, per vivere, un appartamento.

Adesso però mancano i fondi, e Paola sta per gettare la spugna. Perché è vero che la parte più grossa del suo lavoro è aiutare a riconoscere che dentro la pancia c’è un figlio, e non un grumo di cellule, ma senza la possibilità di un aiuto concreto a chi è davvero disperato, davvero alla fame, non se la sente di andare avanti. “Mi faccio solo del male”, ha detto “perché so che lì, seduta davanti a me, c’è una donna che ha suo figlio vicino al cuore, e so che ha già prenotato la camera operatoria, e domani il figlio sarà ucciso, e io non riesco fermarla. Non dormo più la notte, faccio sogni orribili, so che il CAV non è una cosa mia, e non dovrei prendermela tanto, ma non posso fare a meno di soffrire per quei bambini.”

Ha bussato a tutte le porte, ha detto ovunque ha potuto che i figli sono l’unico investimento sicuro, più del mattone, dell’oro, più di tutto, perché fra venti anni saranno loro a sostenerci. Ha detto che invece un aborto è un costo per la società, perché poi bisognerà fare i conti con la sindrome post aborto, con donne depresse, distrutte, bisognose di cure, a meno che qualcuna di loro non abbia il coraggio di chiedere perdono a Dio ed essere guarita dalla sua misericordia (ne ho conosciute alcune meravigliose, donne rifiorite, anche sante, a cui molto è stato perdonato perché molto hanno amato). Nessuno l’ha ascoltata, però, nessuno le ha dato niente. Il CAV è già in forte perdita, i conti sono più che in rosso, e se nessun grande finanziamento arriva chissà che non si muovano tante formichine, ognuna con la sua briciola.

Stranamente non ho visto le donne di “Se non ora quando” scendere in piazza per protestare contro i tagli che hanno più che dimezzato il fondo Nasko, quello che permetteva di aiutare le donne in difficoltà economica che rinunciano ad abortire finanziandole con 250 euro al mese per 18 mesi. Il fondo ora è stato ridotto a 100 euro al mese. Eppure dovrebbero arrabbiarsi anche loro, le femministe, le paladine dell’autodeterminazione femminile. Perché se una donna è non dico costretta – il bisogno non basta a spiegare tutto – ma fortemente condizionata dal suo bisogno economico finendo per uccidere suo figlio in grembo, certo non è libera. È libera quella che realizza il desiderio profondo di ognuna, dire alla vita, quando bussa, se bussa, io sono qui.

Paola, e le tantissime persone che in tutto il paese lavorano nei centri di aiuto alla vita, eroiche, generose, dicono semplicemente questo: io sono qui, vicino a te.

per informazioni http://www.cavmangiagalli.it/

::

 

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →