L’importanza della politica

19 gennaio 2013 03:10 9 comments

rs-servire.org

10 gennaio 2013

Dalla Rivista dell’Agesci “RS Servire” civitas pubblica l’editoriale del numero speciale dedicato alle elezioni. A questo link tutti gli articoli.

“Questo numero è nato con l’intento di illustrare, come scrive il Direttore nel suo editoriale, “alcuni aspetti della problematica politica, per metterne in evidenza ombre e luci, ma soprattutto per evidenziarne l’importanza e i fondamenti, nella prospettiva del voto che ci attende”. Una prospettiva che la fine prematura della XVI legislatura ha anticipato al 24-25 febbraio. Per questo abbiamo deciso di pubblicare online questo numero, senza attendere i tempi di stampa e invio della rivista cartacea e “mettendo da parte”, temporaneamente, quello sull’economia, che promettiamo di ripubblicare più avanti, arricchito di nuovi aggiornamenti.

Ci sembra quanto mia importante, infatti, che ora ci si sforzi di capire, di scegliere e di esprimersi sul futuro che vogliamo per il nostro paese.

Anche per questo speriamo nei vostri riscontri, direttamente sul sito o sulla pagina fb.

Buona lettura e buon anno,

la redazione”

:::

Importanza della politica: perché votare oggi

di Giancarlo Lombardi

Editoriale

Fino a pochi mesi fa sembrava che l’unica parola fosse ormai quella dell’antipolitica. Soprattutto fra i giovani il disinteresse e il giudizio negativo verso la politica sembravano essere dominanti. Invece si è visto, in occasione delle recenti “primarie“ nel P.D., che quando la parola torna ai cittadini perché i partiti danno loro la possibilità di esprimersi, di prendere parte e di entrare, l’antipolitica tace e si vede che uno spazio per la Politica e i partiti esiste ancora.
E la ragione profonda di questo recupero di interesse, almeno parziale, è nel fatto che sempre più la gente capisce che di fronte ai problemi difficili e drammatici con cui quotidianamente è obbligata a confrontarsi occorre qualcosa e qualcuno che scelga, che dia un orientamento su come procedere, che decida anche nelle situazioni ambigue in cui spesso siamo obbligati a muoverci, e questo “qualcosa” che deve scegliere e guidare è la Politica. Purtroppo la situazione degli ultimi anni di una Politica inetta e spesso corrotta, di una classe politica in larga misura mediocre e più tesa a difendere i propri interessi che non a perseguire il bene comune, ha allontanato la gente dalla Politica di cui pure avverte la necessità e l’importanza.
Se guardiamo oggi alcuni di questi temi che interessano la convivenza umana, sia in una prospettiva internazionale larga, sia guardando al nostro Paese e all’Europa, avvertiamo con forza l’urgenza di affrontarli con un rigore e una coerenza che nel recente passato sono mancati.

Lavoro, scuola, formazione

Fra i più importanti metterei il “lavoro” problema centrale per le nuove generazioni, non essendo possibile accettare la situazione attuale che vede un tasso di disoccupazione fra i giovani drammatico. Il problema è certamente di molti paesi, e non solo dell’Italia, ma l’affrontarlo come una priorità o accettarlo come una situazione inevitabile è una discriminante politica importante che ci offre anche criteri di discernimento per le nostre scelte in occasione delle votazioni. Al “lavoro” si lega quasi con continuità il problema della “scuola e formazione” che sono una delle condizioni per migliorare anche il dato sul lavoro. La scuola e la formazione escono estremamente mortificate da un notevole disinteresse politico in corso da molti anni ad oggi ed è interessante sottolineare come il presidente Obama quando propose una politica di estremo rigore per l’economia USA, indicò come unico capitolo da “non tagliare” quello della scuola e la formazione.
In Italia invece è spesso questo il capitolo ove si cercano di fare i “tagli” più significativi.
Non vi è dubbio che il “rigore economico e finanziario” per un Paese come il nostro, che ha un grossissimo debito pregresso accumulatosi negli anni a seguito di politiche poco lungimiranti, è una necessità primaria, perché dalla soluzione di questo problema dipende largamente il futuro del Paese e perciò il futuro delle nuove generazioni, ma il rigore non può essere realizzato in qualunque modo. Occorre con intelligenza e con senso di giustizia vedere dove e cosa tagliare come spese, dove e cosa aumentare come entrate, privilegiando la solidarietà e la difesa dei più deboli. Questo implica una politica fiscale giusta e rigorosa e ciascuno deve essere cosciente che chi più ha più deve contribuire per aiutare a mettere il Paese in linea di galleggiamento.

Fiscalità, ambiente, salute

Le tasse non possono essere viste solo come un balzello messo dal Governo sulla testa dei cittadini quasi arbitrariamente; sono il nostro modo di partecipare alla costruzione di un Paese più efficiente e moderno e di contribuire alla giustizia e alla solidarietà verso i più deboli. Come bene disse alcuni anni fa il ministro Padoa Schioppa dobbiamo essere orgogliosi di pagare le tasse e non solo, come spesso accade, lamentarne il peso eccessivo. Naturalmente questo implica che i Governanti utilizzino nel modo migliore le risorse raccolte e non ci siano sprechi o, peggio ancora, furti come ampiamente avviene ed è avvenuto in un recente passato.
Fra i temi da indicare come prioritari dell’azione politica, e come elementi di giudizio dei programmi di partito in occasione delle elezioni, vi sono il tema ambientale e la sanità. Ambedue hanno riflessi importanti sul futuro, soprattutto il tema dell’ambiente, e sulla solidarietà verso i più deboli, soprattutto la sanità, che resta un nodo politico importantissimo e difficile anche per l’entità della spesa che impegna, per i vari livelli di responsabilità, anche istituzionale, per l’equilibrio sempre da ricercare fra efficienza e umanità nell’affrontare i problemi e nel prendere le decisioni.

Europeismo

Siamo tutti coscienti che ormai molti di questi problemi trovano la loro soluzione non a livello di ogni singolo Paese ma a livello internazionale e, per quanto riguarda l’Italia, soprattutto a livello europeo.
La nostra scelta dell’Europa è perciò una scelta fondamentale. Accade ancora oggi talvolta che qualche demagogo e qualche ignorante, in più o meno buona fede, ipotizzi una uscita dell’Italia dall’Europa nella convinzione ridicola che possiamo risolvere meglio i nostri problemi da soli che con i vincoli imposti dai partner europei.
Occorre dire con chiarezza che fuori dall’Europa non solo noi, ma anche Paesi ben più forti di noi, come la Germania, si condannerebbero a una insignificanza internazionale che purtroppo è già in parte in essere. Oggi sono USA, Cina, India, Brasile, Giappone e anche altri Paesi a determinare le grandi politiche mondiali – pensiamo a quelle economiche e finanziarie – che poi hanno ricadute vincolanti sui singoli Paesi. In questo contesto l’Italia da sola non conta nulla e come nulla verrebbe trattata; solo l’Europa può avere una voce importante e ascoltata nel contesto mondiale per far valere ragioni e prospettive che altrimenti non avrebbero voce.
La scelta Europa è perciò un capitolo essenziale da esaminare nei diversi programmi dei Partiti in occasione del voto.

Il dovere del voto

Con queste note non ritengo certo di aver esaurito lo spettro dei problemi politici importanti, che è evidentemente ben più ampio, ma mi premeva indicare e sottolineare, anche a nome di tutta la redazione, la grande importanza di andare a votare in un momento storico che può e deve portare a significativi cambiamenti nella gestione dell’interesse comune del nostro Paese.
Esiste un problema di corruzione che purtroppo, abbiamo visto anche negli ultimi numeri, tocca anche ambienti politici e istituzionali che dovrebbero essere esempio ai cittadini e sono invece motivo di scandalo e di mortificazione. Questo va affrontato con tutta la decisione anche se vediamo che alcuni esponenti politici e istituzionali sembrano più interessati a difendere i propri interessi che non a perseguire il Bene del Paese.
Il problema della autoreferenzialità della classe politica ha superato il limite di decenza e di sopportazione e chiede di essere attaccato con decisione, ma in un paese democratico solo il voto e le elezioni permettono di cambiare le cose. Chi le vuole cambiare non può non andare a votare. Con questo numero di Servire abbiamo cercato di illustrare alcuni aspetti della problematica politica, per metterne in evidenza ombre e luci, ma soprattutto per evidenziarne l’importanza e i fondamenti nella prospettiva del voto che nel 2013 saremo chiamati ad esprimere.
Votare è un dovere – un tempo veniva persino sanzionato chi non andava a votare – ma oggi noi vogliamo soprattutto sottolineare che è un diritto e nel 2013, per i molti motivi che questo numero di Servire affronta, il diritto e il dovere si fondano in una scelta che vuole dare un contributo a cambiare in meglio questo Paese nel quale vogliamo vivere, per il quale vogliamo lavorare ma che vogliamo più onesto, più giusto, più efficiente.

;;

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →