La democrazia? È nata nel Medioevo

9 febbraio 2013 12:57 4 comments

di Daniele Zappalà

Avvenire

13/11/2012

Chi ha detto che i «secoli bui» non furono democratici? Anzi, proprio ai meccanismi elettivi degli abati benedettini e dei grandi ordini monastici poté svilupparsi «l’arte di governare senza che nessuno possa aggrapparsi al potere». Parla il medievista francese Dalarun.

«È come se nella lunga evoluzione di una società o di una civiltà umana venissero seminati dei chicchi. Non germinano subito, eppure anche ciò che è piccolo e unico, come una comunità monastica, può divenire motore della storia». A sostenerlo è il noto medievista Jacques Dalarun, le cui ipotesi stanno facendo discutere in Francia. Il saggio Gouverner c’est servir («Governare è servire», Alma éditeur) invita a un viaggio agli albori di ordini come quello francescano e domenicano. «La croce di Cristo è al contempo l’ossatura e la spina delle società medievali. Esse sono strutturate, ma pure continuamente pungolate, dalla croce. È ciò che chiamo il paradosso cristiano del Medioevo occidentale», spiega lo storico. Per lui, l’originalità, l’intensità e la portata delle esperienze spirituali di numerose comunità cristiane potrebbe condurre perfino a reinterpretare il pluralismo di fonti della democrazia contemporanea: non solo l’esempio antico dei Greci, né la Rivoluzione francese; ma anche il Medioevo cristiano.

Professor Dalarun, che cosa l’ha spinta a confrontare le esperienze monastiche medievali?

«Ciascuna di queste comunità sembra interpretare a suo modo la transizione dal Vangelo agli Atti degli Apostoli. Quella da un carisma originario a un’armonia duratura, dato che un buon carisma deve prima o poi sempre trasformarsi in un’istituzione. Al contempo, dopo decenni di frequentazione assidua dei testi medievali, mi sembra possibile definire la società medievale pure a partire dall’incapacità evidente di far tacere la Bibbia e il Nuovo Testamento. Anche per questo, il Medioevo si costruisce sull’idea continua di un ribaltamento, come mostra il consenso paradossale attorno alle figure di santi che, come Francesco d’Assisi, rinunciano ai valori mondani di ricchezza, successo e apparenza.»
Per lei il Medioevo non è una parentesi nella storia della democrazia…
«L’idea medievale centrale di un ribaltamento dei valori mondani ha conosciuto un’applicazione concreta e frequente nelle comunità monastiche. Qui, in un modo o in un altro, chi è superiore si definisce pure come inferiore. Oppure, è superiore perché è inferiore. E quest’idea s’impone anche a proposito del papa, servus servorum Dei. Per San Benedetto, l’abate non deve presiedere o dominare, ma restare al servizio degli altri membri della comunità».

Fu vera democrazia?

«Ho avanzato un interrogativo e un’idea che possono sembrare molto fragili, ma ai quali tengo molto: in tali comunità, non si è forse inventato qualcosa che assomiglia molto alla democrazia? Certo, il Medioevo non è stato affatto il regno della democrazia come sistema di governo, ma ha conosciuto abbozzi ed esperimenti di questo tipo. Fu naturalmente anche il caso al livello civile, ad esempio con le assemblee locali in Scandinavia o certe regole di funzionamento dei Comuni italiani. Ma, ancor più che altrove, le comunità monastiche assunsero la forma di laboratori. A partire dall’assenza di un’eredità personale e dunque di una dominazione genetica, come definire chi è superiore? In molti casi, cominciò così ciò che appare come un’invenzione progressiva di forme democratiche.»
Nelle sue analisi minuziose, emergono pure le incertezze agli albori di queste comunità…
«Certo, ma ciò appare oggi proprio come uno dei tratti salienti della democrazia. Queste comunità non si riferivano affatto al modello della democrazia ateniese, divenuto all’epoca molto astratto e ideale. Seguendo i primi passi di queste comunità, si scorge tutta la dimensione umana e in fondo la verità di una piccola società che inventa le proprie regole e comprende, ad esempio, che il tipo di elezione non riassume interamente una democrazia. In questo senso, ci si avvicina non solo a ciò che la democrazia è poi divenuta, ma anche a ciò che ancor oggi dovrebbe essere: l’arte di governare senza che nessuno possa aggrapparsi al potere.»

Si può davvero parlare di un’influenza più generale di questi modelli particolari?

«Ci furono certamente delle influenze. Colpisce molto il fatto che il fiorire dei Comuni italiani coincise con la diffusione capillare degli ordini poveri, in particolare quello francescano. E a proposito degli slittamenti dell’universo religioso verso quello civile, non dimentichiamo che in Italia l’assemblea comunale si teneva talvolta nel convento francescano. Attilio Bartoli Langeli ha poi dimostrato che i Francescani furono pure archivisti nei Comuni. L’influenza non fu immediata, certo, ma verosimilmente giocò un effetto analogico e un valore di testimonianza legati a questa presenza. In proposito, ho sempre visto il cristianesimo come una religione che suscita domande ed evidenzia problemi, ancor prima di proporre risposte o certezze.»

Altri elementi di riflessione?

«Almeno questo: la storia di queste comunità ci ricorda che la democrazia non si decreta dall’esterno, ma s’inventa dall’interno. La democrazia è un’esplorazione del possibile, deve essere sempre inventata autonomamente. E probabilmente, ogni intrusione esterna rischia solo di ritardare quest’invenzione. Ancor oggi, del resto, non ci sono in Europa due democrazie davvero simili l’una all’altra, ma questa molteplicità di forme ci appare come una ricchezza e non come un limite.»

Link all’articolo originale

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →