Un’attesa che non è più dolce

7 marzo 2013 12:04 0 comments

Di Franco Olearo

4 marzo 2013

doumentazione.info

Il 12 febbraio 2013 si è svolto il primo sciopero nazionale dei ginecologi italiani.

Le motivazioni di tale insolita iniziativa sono state sostanzialmente due: i tagli alla sanità e il contenzioso medico-legale arrivato ormai a livelli insostenibili.

Il motivo principale per un contenzioso così elevato deriva dalle cause intentate da genitori che hanno visto nascere un figlio con qualche disfunzione e ritenendo di non essere stati bene informati, hanno chiesto una forma di “risarcimento danni”, perché diversamente avrebbero abortito.

In questo modo i medici ginecologi sono costretti a sottoscrivere assicurazioni sempre più onerose, anche perché in tempi recenti è stato introdotto nella giurisprudenza non solo il principio che i genitori e i parenti più prossimi possono venir indennizzati per il “danno” della mancata o errata informazione ricevuta sullo stato del nascituro, ma lo stesso figlio, nato non sano, ha diritto a un suo proprio risarcimento.

Si è venuta a creare una situazione totalmente nuova che sembra portare avanti il principio del “sarebbe stato meglio non nascere”, in ultima istanza una modalità di selezione eugenetica.

Il primo caso in Europa che ha smosso le coscienze di tante persone è avvenuto in Francia ed è noto come “Affaire Perruche” . Nel 1982, la signora Josette Perruche sospettò di aver contratto la rosolia e avvertì chiaramente il suo ginecologo che se il suo sospetto fosse stato confermato, avrebbe abortito. Gli esami risultarono negativi ma il piccolo Nicolas, appena nato, presentò subito gravi patologie. I genitori di Nicolas fecero causa al medico ottenendo sia un risarcimento come genitori sia uno specifico destinato al figlio perché costretto a vivere una esistenza di sofferenza.

La sentenza scatenò subito le reazioni di molte associazioni di portatori di handicap che si sentivano trattati come persone per le quali sarebbe stato meglio non nascere, una forma quindi di handifobia. Sull’onda delle loro proteste fu presentata al parlamento francese una legge anti-Perruche con la proibizione di chiedere un indennizzo in base al “pregiudizio di essere nato” ma la Corte Europea dei diritti dell’uomo condannò l’iniziativa ribadendo che la persona handicappata ha diritto a una sua propria compensazione.

Un caso simile, ma con molto meno clamore, è stato dibattuto anche in Italia . La corte di Cassazione (sezione III, 2 ottobre 2012, n. 16754) relativamente a un caso simile di una madre non informata correttamente sui rischi di salute del nascituro, ribadiva il diritto del bambino a venir risarcito per il fatto di esser venuto al mondo malato.

Sulla sentenza si è sviluppato un ampio dibattito fra specialisti, che ha dato luogo a sottili distinguo (il nascituro non va considerato soggetto di diritto ma è solo “oggetto di tutela” : se fosse stato considerato un soggetto con diritti, avrebbe potuto disporre anche di un proprio diritto a vivere) e si esclude che si sia voluto esprimere un principio eugenetico ma solamente legittimare un indennizzo per sostenere “una condizione esistenziale di potenziale sofferenza”.

Lasciamo ai giuristi queste disquisizioni professionali e vediamo quali sono i reali svolti sociali e psicologici che questa nuova situazione comporta.

E’ indubbio che l’aver introdotto nella società il principio che un essere umano (una madre) possa richiedere di sopprimere un altro essere umano (il suo nascituro) ha creato un cuneo che si è insinuato dolorosamente non solo nell’impalcatura legislativa del paese (basti vedere le incertezze e i dibattiti che ne sono scaturiti), ma ha alterato profondamente il comune sentire rimasto invariato per secoli: ora non ha più molto senso parlare di “dolce attesa” ma sarebbe meglio esprimersi in termini di “drammatica attesa”.

Molti dottori infatti, per non correre rischi, prescrivono frequenti analisi nelle varie tappe della gestazione e, non solo a fronte di certezze ma anche in presenza di un minimo sospetto, denunciano la potenziale gravità della situazione ponendo in un grande stato di tensione la partoriente. Il risultato netto è che finiscono per non nascere molti più bambini di quanto sarebbe giustificabile.

Si tratta di una situazione totalmente nuova che va sostenuta con una preparazione dei genitori che parta da lontano, molto prima che lo diventino realmente, per ritrovare la forza e la serenità necessarie per la loro missione e la scoperta del significato di tutte le vite, anche di quelle meno fortunate.

Anche il principio di voler scaricare sui dottori la totale responsabilità di un bambino nato non sano (in alcune sentenze si son trovati a pagare le spese mediche fino al diciottesimo anno di età) è totalmente diverso da quello di una assistenza sostenuta dallo stato. In questo caso si riconosce che di fronte a una famiglia che deve sostenere delle difficoltà è l’intera società, solidale con essa, che si occupa di alleviare il loro impegno; nell’altro caso, punendo il dottore, si sta esprimendo il principio che il sorgere di una nuova vita è il puro effetto di un “atto produttivo” di cui il dottore è il responsabile e l’essere nati in quello stato è da considerarsi un “difetto” di tale processo.

Molto significativa è a questo riguardo l’iniziativa di portare a termine la prima petizione europea (è ora possibile, con la raccolta di almeno un milione d firme, chiedere alla Commissione Europea un atto giuridico) per i diritti del concepito, che riconosca il concepimento come inizio della vita e, di conseguenza, punto d’inizio per l’applicazione dei diritti umani.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →