Salviamo “Uno di noi”

21 marzo 2013 12:54 3 comments

Di Marina Casini

21 marzo 2013

Città Nuova

Un’analisi delle sentenze che spingono ad eliminare l’embrione disabile e la petizione europea lanciata per tutelare la vita in tutte le sue fasi. Firma anche tu.

La Cassazione ha recentemente condannato un ginecologo per la nascita di una bambina down, avendo la madre dichiarato “condizione imprescindibile” per la nascita che la bambina fosse sana. Il presupposto del preteso diritto di eliminare i figli malformati e del corrispondente preteso diritto del figlio a non nascere malformato, è che prima della nascita non esiste un essere umano a pieno titolo, non esiste un soggetto, non c’è un bambino. Certo, è un piccolo, piccolissimo essere umano nella fase prenatale, ma pur sempre un bambino. Stando alla sentenza, il medico sarebbe stato inadempiente perché, non avendo suggerito tutti i possibili esami diagnostici per scovare l’eventuale anomalia, avrebbe impedito alla donna di «compiere la scelta di interrompere la gravidanza» e violato il suo «diritto di autodeterminazione».

La «nascita malformata» (che brutta espressione!) avrebbe, inoltre, compromesso il benessere delle sorelle, di cui «non può non presumersi l’attitudine a subire un serio danno non patrimoniale [.] alla morte dei genitori. Danno [.] consistente, tra l’altro [.] nella inevitabile, minore disponibilità dei genitori nei loro confronti, in ragione del maggior tempo dedicato al figlio affetto da handicap, nonché nella diminuita possibilità di godere di un rapporto parentale con i genitori stessi costantemente caratterizzato da serenità e distensione».

La strada imboccata è quella che porta alla terribile deriva dell’aborto-dovere; al rifiuto che elimina l’altro, come risposta all’esistenza umana segnata dalla malattia e dalla disabilità; all’approssimarsi della possibilità per il disabile di chiedere il risarcimento del danno non solo al medico, ma anche alla madre per non aver esercitato il suo diritto di autodeterminazione nell’”interesse” del figlio a non nascere se non sano.

Alla deriva originata dall’incapacità di vedere nel piccolissimo essere umano un uguale in dignità e dalla corrispondente sopraffazione del più forte sul più debole, conduce anche la decisione del tribunale di Cagliari (15 novembre 2012) che ha autorizzato la selezione discriminatoria, eugenetica e distruttiva, degli embrioni umani mediante la diagnosi genetica pre-impianto.

Sappiamo che sulle questioni “eticamente sensibili” il panorama, assai articolato, tocca il cuore della cosiddetta “nuova questione antropologica”, in particolare nel campo dell’inizio e fine della vita umana. Ricordiamo le manipolazioni linguistiche che accompagnano i tentativi di estromettere il concepito e i suoi diritti fuori dall’orizzonte di attenzione civile e politica, di stravolgere i diritti umani rendendoli strumenti di prevaricazione dei più deboli e indifesi, come quando si pretende di
introdurre l’aborto come “diritto umano fondamentale”. Su questa strada i diritti umani possono addirittura diventare uno strumento di oppressione nei confronti dei più deboli, come sono il concepito, l’anziano, il sofferente, il morente.

Ma sappiamo anche che il cuore della moderna idea dei diritti umani è il riconoscimento dell’uguale dignità di ogni essere umano come fondamento di libertà, giustizia e pace. In questa prospettiva merita il massimo sostegno l’iniziativa cittadina
europea denominata “Uno di noi” per estendere “la protezione giuridica della dignità, del diritto alla vita e dell’integrità di ogni essere umano fin dal concepimento in tutte le aree di competenza dell’UE”. Essa richiama il valore della vita umana come energia capace di superare la crisi, costruire un vero popolo europeo, rigenerare le antiche e sempre nuove radici della
cultura europea in nome del valore universale di ogni essere umano dal concepimento.

Per essere considerato valido, occorre che il testo della proposta sia sottoscritto da almeno un milione di cittadini provenienti da almeno sette paesi dell’Unione entro un anno dalla sua presentazione. L’iniziativa cittadina implica l’obbligo per la Commissione europea di prendere in considerazione la richiesta e dare una risposta preceduta da un’audizione ad
alto livello degli organizzatori (per informazioni vedi www.unodinoi.mpv.org).

Perché sottoscrivere “Uno di noi”? Perché la diagnosi prenatale non deve essere trasformata in un setaccio finalizzato all’esercizio del “diritto all’aborto”; perché la vita umana vale in sé, non a certe condizioni; perché è inaccettabile che chi avrebbe bisogno di cura e attenzione sia ritenuto inutile, o considerato un fardello da rifiutare (prima della nascita) o da risarcire (dopo la nascita); perché il diverso non è una “minaccia” da cui difendersi perché mette in discussione il benessere di chi è più fortunato; perché i figli sono un dono e non un diritto da soddisfare a tutti i costi; perché una vera tutela della maternità implica tutti gli interventi e le attività volte a favorire la nascita del bambino e non la sua eliminazione; perché i diritti umani crollano nell’inconsistenza se l’essere umano appena concepito non è considerato un soggetto titolare almeno del basilare diritto a vivere; perché un’autentica “cultura dell’infanzia” non può che essere inclusiva di tutti, ma proprio di tutti i bambini: grandi, piccoli e piccolissimi come sono i bambini in viaggio verso la nascita. Non li dimentichiamo.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →