Come si comanda la chiesa secondo Bergoglio

25 giugno 2013 17:06 3.221 comments

Di Matteo Matzuzzi

25 giugno 2013

ilfoglio.it

“La musica non è tra i suoi interessi maggiori”. Ma dietro il forfait del Papa al concerto c’è di più

Si guardavano sbigottiti, cardinali e monsignori, mentre il presidente del Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, Rino Fisichella, annunciava il forfait del Papa al concerto per l’Anno della fede. Sabato la poltrona bianca in mezzo all’aula Paolo VI è rimasta vuota, per tutto il tempo in cui l’orchestra eseguiva la Nona di Beethoven. Francesco intanto era a pochi metri di distanza, nella sua suite a Santa Marta. Nel piccolo salottino austero (una scrivania di legno e tre sedie) riceveva uno dopo l’altro i nunzi apostolici giunti da ogni parte del mondo. Ci teneva ad ascoltare dalla loro voce e al riparo da orecchie indiscrete la reale situazione della chiesa lontano da Roma. Niente mediazioni della segreteria di stato: d’ora in poi si riferirà direttamente al Papa, avrebbe detto Bergoglio ai suoi diplomatici. Un ritorno al passato che ha visto i nunzi ben lieti di non avere più filtri tra loro e il Pontefice. Quello di sabato è stato un giro di consultazioni necessarie per farsi un’idea più chiara sui cambiamenti da apportare alla macchina curiale. Dopo tre mesi sul Soglio di Pietro, si può mettere mano all’assetto della governance vaticana, tanto criticata negli ultimi tempi del pontificato di Benedetto XVI.

Francesco ha preso nota di tutto, ma non vuole andare di fretta. Sa dove bisogna intervenire, ma preferisce fare con calma, valutare tutto, soppesare i pro e i contro delle singole scelte, prendersi tutto il tempo che serve prima di agire. Se necessario, saltando anche eventi mondani programmati da tempo. Tra dialogare faccia a faccia con un nunzio giunto a Roma dalle più lontane periferie a lui così care e gustarsi l’Inno alla Gioia con sfilata di ospiti da salutare, il Papa ha preferito saltare il momento musicale. Dopotutto, quel concerto era stato organizzato un anno fa, quando a regnare sulla chiesa era Joseph Ratzinger, capace di commuoversi mentre dal nuovo organo della Alte Kapelle di Ratisbona – da lui benedetto nel 2006 – uscivano le note di Johann Sebastian Bach. Bergoglio, da buon gesuita, nec rubricat nec cantat (non dà troppa importanza alle rubriche liturgiche né al canto), benché lui da bambino ascoltasse musica classica alla radio in compagnia della mamma. Di certo, confermava padre Lombardi, la musica non è tra i suoi interessi maggiori. Ecco perché non c’ha pensato molto prima di annullare la sua partecipazione al concerto.

“Devo lavorare”, avrebbe detto secondo quanto si racconta in Vaticano. E sul tavolo del suo studio c’erano anche i dossier sulle questioni che riguardano la curia romana. Francesco è aperto alla collegialità ed è pronto a demandare agli episcopati locali le relazioni con i rispettivi governi. Ma quando si tratta di decidere, la parola spetta a lui soltanto. Giovanni Filoramo, storico del cristianesimo, lo diceva al Foglio: “Il Papa rimane sempre un monarca assoluto e non deve rendere conto a nessuno”.

E Francesco si comporta da capo della chiesa quando sceglie personalmente gli otto componenti del gruppo che studierà come riformare la “Pastor Bonus”, la Costituzione apostolica che regola la curia. Ha voluto fare di testa sua, anche perché se si fosse limitato a seguire le indicazioni emerse nei giorni dell’interregno, i nomi erano già disponibili. “Gli sarebbe bastato chiamare attorno a sé i dodici cardinali eletti al termine di ogni Sinodo”, notava Sandro Magister sull’Espresso. Invece ha preferito puntare su porporati con cui ha affinità e una conoscenza di lunga durata. E così ha nominato coordinatore del gruppo l’amico Oscar Maradiaga, arcivescovo honduregno in prima linea nelle battaglie sociali su cui Bergoglio tanto sta insistendo. Francesco fa da solo, non considera i suggerimenti della Congregazione per i vescovi quando si tratta di scegliere il suo successore a Buenos Aires e sollecita la commissione di sorveglianza sullo Ior a nominare il fidato Battista Ricca quale nuovo prelato della banca vaticana. D’altronde, la Compagnia di Gesù è un’esperienza di gestione del potere accentrato, sul modello del papato. E Bergoglio, già superiore provinciale in Argentina, quel modello lo conosce bene.

Nel rincorrersi di indiscrezioni che circolano nei sacri palazzi, si danno per imminenti i primi cambiamenti: un diplomatico (gran favorito è il cardinale Giuseppe Bertello, con il quale il Papa si consulta quasi quotidianamente) alla segreteria di stato, cui seguirebbero altri spostamenti in ruoli chiave della curia, secondo il plurisecolare schema del promoveatur ut amoveatur.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →