Orgoglio lampedusano

8 ottobre 2013 19:37 5 comments

Di Davide Giacalone

08 ottobre 2013

davidegiacalone.it

In tema d’immigrazione il buonismo è uno sport che praticano i ricchi a spese dei poveri. L’alternativa non è il cattivismo, bensì il realismo. In questi giorni se ne sono sentite di tutti i colori, con alcune scemenze che gridano vendetta. Prendiamo puntualmente in esame le principali, ma con una premessa: per quel che è successo a Lampedusa non provo alcuna vergogna, ma orgoglio. Sono orgoglioso di vivere in un Paese che si lancia al soccorso e piange per quel che non riesce a salvare. Poi ci sono quelli che parlano a vanvera, cui è dedicato il resto di questo articolo.

1. E’ stata invocata l’Unione europea. Giusto: così come non può resistere un’unione monetaria che pretende di far convivere debiti pubblici, tassi d’interesse e politiche economiche diversi, altrettanto non può esistere uno spazio comune i cui confini e la cui politica dell’immigrazione non siano oggetto di comuni impegni. Ma la chiamata dell’Europa ha un senso solo se si ha chiaro che chiediamo il coinvolgimento di tutti per far fronte e reprimere l’immigrazione clandestina. Altrimenti siamo nell’ipocrisia allo stato puro. Non solo nessuno degli altri europei ha la minima intenzione di farsi invadere (anzi, crescono i movimenti xenofobi), ma i tedeschi ci rimandano indietro gli immigrati che istradiamo oltre le loro frontiere. Quindi: l’Ue può essere invocata contro i clandestini, non a loro favore.

2. Ci sono modi diversi di fronteggiare la clandestinità. Sono orgoglioso, nuovamente, di vivere in un Paese in cui non si spara alle frontiere (come in Spagna) e non si allontanano verso il largo i barconi (come a Malta). Il coinvolgimento di tutti deve cambiare le regole Frontex (agenzia Ue, in gran parte inutile, con sede a Varsavia): non più chiamate in caso di emergenza, ma pattugliamento comune continuo, a spese di tutti.

3. I migranti sono una cosa, i profughi un’altra. Se si mescolano e confondono la responsabilità è delle inutili agenzie Onu, capaci di far la morale, ma incapaci di assolvere ai loro doveri. Dovrebbero vergognarsi, loro sì. I profughi devono essere concentrati e smistati, posto che è un dovere accoglierli. La loro destinazione non può essere il Paese più vicino, ma tutti i Paesi civili, per quota parte. La regolazione è internazionale, non nazionale.

4. Ai tanti che hanno invocato la revisione della legge che regola l’immigrazione, dal presidente della Repubblica in giù, vorrei fare osservare che con la tragedia di Lampedusa (l’ultima, ma anche le precedenti), non c’entra nulla. Le leggi nazionali regolano (e non potrebbe essere diversamente) l’afflusso regolare d’immigrati e stabiliscono pene e provvedimenti per i clandestini. Nessuna legge nazionale può risolvere, o affrontare, il flagello della migrazione, che si svolge in un teatro planetario. E non è pensabile che la soluzione consista nell’accogliere tutti. Sono enormità che lasciamo dire ai demagoghi di turno.

5. Un procuratore della Repubblica ha sostenuto che la legge attuale impedisce di punire i trafficanti di carne umana. Spero che smentisca, o cambi mestiere. La legge (Testo Unico 286/1998, modificato dalla legge 189/2002, articolo 12), stabilisce che: “salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque in violazione delle disposizioni del presente testo unico compie atti diretti a procurare l’ingresso nel territorio dello Stato di uno straniero ovvero atti diretti a procurare l’ingresso illegale in altro Stato del quale la persona non è cittadina o non ha titolo di residenza permanente, è punito con la reclusione fino a tre anni e con la multa fino a 15.000 euro per ogni persona”. Se lo fa per fini di lucro, ovvero i gestori dei barconi, la pena va da quattro a dodici anni. Cresce se si espongono i migranti al pericolo e così via. Pene pesantissime. Dov’è l’impunità? Nel fatto che la giustizia non funziona, è lenta e si lascia sfuggire, nel tempo, imputati e testimoni. Non è la legge che procura il guasto, ma la malagiustizia.

6. S’è letto che la legge punisce chi soccorre i naufraghi. Che infamia! Ecco il testo in vigore: “fermo restando quanto previsto dall’articolo 54 del codice penale, non costituiscono reato le attività di soccorso e assistenza umanitaria prestate in Italia nei confronti degli stranieri in condizioni di bisogno comunque presenti nel territorio dello Stato”. Il soccorso è addirittura un obbligo, e la sua omissione un reato, se si tratta di pubblici ufficiali. Da dove nasce la leggenda? Dalla malagiustizia: due pescatori tunisini soccorsero dei migranti e li portano sulle coste italiane, con il risultato che furono indagati in quanto schiavisti e i loro pescherecci sequestrati per quattro anni. Una vergogna, che non pesa sulla legge e meno ancora sui cittadini, ma sulla giustizia peggiore d’Europa. La nostra.

7. Buonismi e cattivismi sono isterismi propagandistici, capaci solo di vellicare gli istinti peggiori. L’Italia reale è ben lontana da tali sentimenti, ulteriore motivo d’orgoglio, ma non può tollerare che un pugno di privilegiati sparascemenze vogliano scaricare a casa degli altri il prezzo della loro ipocrisia. L’immigrazione ci serve, ma non regolarla, e non respingere e reprimere la clandestinità, ci spingerebbe su un terreno ove la perdita di sovranità sarebbe bilanciata dalla perdita di lucidità. In un trionfo di rabbia e razzismo. Capirete il perché il mio “no” si presenta piuttosto rigido.

Pubblicato da Libero

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →