Omofobia, una guerra fra povere percentuali

16 ottobre 2013 19:40 5 comments

Di Rino Cammilleri

14-10-2013

lanuovabq.it

La guerra delle cifre funziona sempre: basta spararne a casaccio (e pro domo sua), ripeterle fino allo sfinimento (altrui) e il gioco è fatto. L’ultima in tal senso è capitata al premier inglese Cameron, che ha fatto approvare la legge sulle nozze gay basando il suo convincimento sulle percentuali offerte dalle associazioni Lgbt. Queste sostenevano e sostengono che gli omosessuali inglesi siano il 6% della popolazione, oltre tre milioni. E Cameron ci ha creduto, tanto da spaccare il suo stesso partito (metà dei conservatori gli ha votato contro) e a varare una legge coi voti –caso bizzarro – dell’opposizione. Eh, i politici vogliono voti, solo voti, fortissimamente voti, e per un voto in più venderebbero la mamma, figurarsi per tre milioni.

Solo che questa volta il David britannico e conservatore (ma de che?) si è fatto buggerare alla grande. Secondo una ricerca dell’Office of National Statistics resa nota il 3 ottobre 2013 e riferita da «Tempi», gli omo nel Regno Unito sono solo 545mila, pari all’1,1%. Cameron, accusata la botta, ha ammesso in due riprese di aver commesso un tremendo errore (molti membri del suo partito hanno addirittura sbattuto la porta). Poi, alla Bbc, ha ritrattato come da copione.

Ma il danno è fatto e Cameron non ci ha rimediato una bella figura, anche se ora è costretto a fare buon viso e continuare a inneggiare alla «libertà» di sposalizio oves et boves. La Gran Bretagna ha, come tutti gli stati industrializzati, un suo organismo statistico ufficiale. Cameron avrebbe dovuto rivolgersi preventivamente a questo. O fargli verificare le cifre urlate dai Lgbt.

Avrebbe, insomma, dovuto seguire l’esempio del più furbo Clinton, che in campagna elettorale promise mari e monti ai gay americani. Poi, una volta in carica, si accorse di non poterle più mantenere. Le associazioni gay minacciarono guerra al fedifrago ma lui, prima di prendere la minaccia in seria considerazione, chiese una ricerca statistica alle maggiori università americane.
Domanda: quanti sono, in numeri (e voti) gli omosessuali negli Usa? Il movimento gay aveva addirittura una rivista, «Ten percent», perché da sempre sosteneva che gli omo in America fossero il 10% della popolazione.

Quando le cifre –vere- rivelarono a Clinton che alla pretesa gay andava tolto lo zero (cioè, gli omo negli States erano l’1 virgola qualcosa per cento), il presidente democratico si voltò dall’altra parte e continuò a dormire sonni tranquilli. La cifra del «dieci per cento» fu ripresa, paro paro, dallo spagnolo Zapatero di trista memoria e applicato alla popolazione iberica (il cui testimonial più famoso in campo internazionale è, non a caso, il regista Almodòvar).

Ma da dove veniva questo «dieci per cento»? Dagli anni Settanta americani e dal famigerato Rapporto Kinsey, le cui ricerche, però, datavano 1948 e si basavano per oltre un quarto su dichiarazioni di detenuti nelle patrie galere (e questi si erano limitati a dire, tutti, di avere avuto qualche incontro omosex in prigione, un luogo, ahimè, altamente deputato alla promiscuità maschile). Oggi il Rapporto Kinsey è così screditato da non meritare nemmeno menzione. Per quanto riguarda le cifre effettive di omosessuali, poi, esse costituiscono materia scivolosa anche per gli organismi statistici ufficiali. Non tutti gli intervistati, infatti, si producono in aperti outing e le leggi sulla privacy fanno il resto. E se non sono sicure le cifre ufficiali, a maggior ragione sono da prendere con le molle quelle propalate dai Lgbt. L’unica, per questi ultimi, è puntare sulla propaganda, assumere una cifra comoda al loro scopo e trasformarla in slogan.

Così fecero i pannelliani quando, al tempo del referendum sull’aborto, ossessionavano il popolo con le «ventimila» vittime annue dell’aborto clandestino, incuranti del fatto che l’Istituto italiano di Statistica riportava 11.500 donne in età fertile morte ogni anno in Italia in totale, cioè per qualunque causa, dall’ictus all’incidente stradale. Da noi già cifre pirotecniche si incrociano nei cieli parlamentari per la cosiddetta legge sull’omofobia, laddove nei fatti non un solo vero caso concreto si sia ancora verificato.
Vedrete cosa succederà all’ora dell’introduzione del «matrimonio» omo. Prepariamoci a chiedere a nostri parlamentari di fare una telefonata all’Istituto statistico nazionale, per sapere

a) quanti sono davvero i gay italiani,

b) quanti tra loro vogliono davvero «sposarsi».

Se risulterà, come è probabile, che questi ultimi saranno una ventina su una popolazione di sessanta milioni di abitanti, i nostri parlamentari di riferimento dovranno domandare per prima cosa quanto denaro pubblico andrebbe sperperato per accontentare solo una ventina di schiamazzanti.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →