Chiesa e guerra

1 gennaio 2014 21:02 2 comments

Di Francesco Agnoli

8 settembre 2013

libertaepersona.org

La Chiesa e la guerra. È un tema interessante, ed anche difficile. Fin dalle origini. Nei primi secoli, infatti, i cristiani si trovarono spesso a professare il Dio dell’amore e a dover fare i conti con la realtà della guerra. Abbiamo così cristiani che obiettano, come il centurione Marcello: “Sono soldato di Cristo. D’ora in poi non servirò più i vostri imperatori, perché non voglio più adorare i vostri dei di legno e di pietra, idoli sordi e muti”. I vescovi Martino e Vittore, in Gallia, sono ex militari che gettano la spada per consacrarsi al sacerdozio. Il servizio militare viene spesso criticato. Da alcuni in toto, dai più per le modalità. Nell’impero infatti, spesso i militari sono anche polizia, spie, carcerieri, vessatori, e molti di loro hanno ruoli nell’uccisione di svariati cristiani o nelle soperchierie ai danni dei contadini.

Ma vi sono anche soldati che vengono venerati come santi, e soldati cui sant’Agostino in persona dice: “Non devi credere che uno non possa piacere a Dio nell’esercito: David era un soldato”. Agostino è tra quelli che dimostrano la legittimità e la bontà del soldato, quando egli difende con onore e coraggio la patria aggredita, i villaggi, le case, i suoi cari… Non quando attacca e devasta: incontro ad Attila, per fermarlo, in Francia, si muovono la santa vergine Genevieve e san Lupo vescovo di Troyes; a Roma è il papa Leone I a farsi incontro al devastatore, per fermarlo (qualcosa di analogo succederà ai tempi della II guerra mondiale, con vescovi come Santin e Siri, in Italia, chiamati a fare da mediatori e ad impedire carneficine e vendette).

Di qui la storia di un lavoro continuo sull’idea della vita militare, che attraversa l’epoca della barbarie e arriva alla cavalleria. Siamo in epoca medievale e la Chiesa trasforma l’avventuriero, che approfitta della sua spada e del suo cavallo, in “cavaliere”: scomunicando chi compie violenze gratuite; spingendo il soldato a divenire il protettore degli orfani e delle vedove e a costruire la sua personalità spirituale, prima della forza fisica; proponendo un codice di onore e di comportamento che avrà i suoi seguaci, se è vero come è vero che “cavaliere” diventa sinonimo di uomo forte, generoso, di buone maniere. Bisognerebbe rileggersi le promesse dei cavalieri intorno all’anno Mille, per comprendere quanto sia stato fatto in questa direzione da tanti vescovi e sacerdoti. Siamo negli anni in cui, dopo la caduta di Roma, dopo le invasioni barbariche, si arriva ad un po’ di pace. Quella pace che permetterà la cosiddetta Rinascita dell’anno Mille.

Per designare l’operato pacificatore si parla di “pace di Dio” e di “tregua di Dio”. La prima sottrae alcune persone e alcuni luoghi alla violenza guerresca; la seconda proibisce di combattere in determinati periodi (secondo il Concilio di Arles, 1037-1041, la proibizione di combattere va dalla sera del mercoledì alla mattina del lunedì). Il movimento della pace di Dio ha inizio nel 987 su iniziativa del vescovo di Le Puy, che raduna i suoi cavalieri e impone loro un giuramento di pace. Due anni dopo, nel 989, esso è già notevolmente cresciuto: in occasione del Concilio di Chartroux non un vescovo isolato, ma tutti i vescovi della provincia ecclesiastica di Bordeaux e il vescovo di Limoges pronunciano l’anatema contro chiunque abbia rubato i beni a un contadino o usato violenza a un religioso disarmato.

Anche la teologia si muove: la guerra, per essere “giusta”, lecita, deve avere una iusta causa, un iustus modus (proporzionalità), recta intentio…. L’uomo è segnato dal peccato originale, non è possibile cancellare il male e il conflitto dalla terra, ma bisogna rendere tutto, anche lo scontro inevitabile (ad esempio in una guerra di difesa), il più giusto possibile. Sono idee presenti ancora oggi (la “legittima difesa” altro non è che una guerra di difesa, con iusta causa, in cui si chiede di non rispondere con il mitra a chi ci minaccia con una matita).

In quest’ottica la Chiesa appoggia anche la I Crociata, vista appunto come guerra di difesa e di liberazione: i crociati infatti partono, la prima volta, dopo che l’Islam ha attaccato la Cristianità, e non viceversa, per ben 4 secoli; dopo che i musulmani hanno preso Gerusalemme, città cristiana ed ebraica e mentre stanno attaccando ancora una volta l’impero cristiano di Bisanzio, per abbatterlo. Ciò non toglie che la guerra, anche legittima, sia la guerra e che le crudeltà inutili, l’odio, ne facciano, purtroppo, parte.…

Se arriviamo al Novecento, il secolo più violento della storia, la posizione della Chiesa è piuttosto univoca. È risaputa l’ostilità della Chiesa alla I guerra mondiale, e il tentativo di tenere fuori almeno l’Italia; Benedetto XV, il 1 agosto 1917 parla di “inutile strage”; Pio XII (radiomessaggio 24 agosto 1939) è assai chiaro: “Nulla è perduto con la pace. Tutto può esserlo con la guerra”. Impotente di fronte al grande scontro scatenato dall’alleanza tra il materialismo comunista e quello nazista (patto Von Ribbentrop-Molotov, 1939), Pio XII si adopererà in ogni modo per aiutare le popolazioni colpite dal conflitto portando il Vaticano quasi alla bancarotta.

All’epoca della I guerra del Golfo Giovanni Paolo II si schiera in maniera risoluta e quantomai decisa contro l’intervento armato. Anche riguardo alla possibile guerra in Siria di questi tempi (la seconda del premio Nobel per la pace Obama, dopo la perniciosa guerra libica?), mentre i governi occidentali sembrano spesso giocare alla guerra per distrarre dai problemi interni, la posizione della stragrande parte parte delle autorità ecclesiastiche, anche locali, è di contrarietà: sia perché ormai la questione delle armi chimiche sembra sempre più spesso una scusa, un casus belli cercato ad arte, sia perché gli interventi “umanitari” degli ultimi decenni si sono rivelati ben poco umanitari: poco studiati, poco preparati, condotti senza una finalità di aiuto precisa e chiara. Si dichiara guerra (dopo aver presentato il nemico di turno come un nuovo Hitler), si bombarda un po’ a casaccio, (vedi i droni) e poi si lascia il paese al suo destino. Non manca solo, a giudizio della Chiesa, la iusta causa, ma difettano anche iustus modus e recta intentio.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →