E adesso spunta il crimine di “abortofobia”

1 febbraio 2014 16:35 3 comments

Di Roberta Sciamplicotti

31 gennaio 2014

aleteia.org

L’ennesimo paradosso della nostra epoca è il crimine di “abortofobia”, concetto surreale che indica l’opposizione anche solo intellettuale e non fisica all’aborto.

In un contesto in cui imperversano le “-fobie”, quella che ha per protagonista l’aborto lascia assai perplessi. Il concetto, infatti, è in genere usato per indicare un atteggiamento negativo e ingiustamente discriminatorio nei confronti della persona o realtà indicata dal termine a cui si aggiunge il suffisso “fobia” – si pensi alla cristianofobia presente in molti Paesi, che vede i cristiani bersaglio di attacchi fisici o vessazioni psicologiche ed emarginazione, o all’omofobia, che implica un’avversione anche violenta nei confronti delle persone omosessuali –, ma in questo caso la realtà contro la quale si denuncia un pregiudizio è tutt’altro che positiva o neutrale. Quello che diventa un crimine, quindi, è l’opposizione a un altro crimine, l’uccisione di un bambino.

Nella società odierna, in cui si difendono a spada tratta i diritti di tutti ma non dei concepiti, questo non sembra però scandalizzare quasi nessuno. Anzi, chi si oppone all’aborto diventa un colpevole da punire, anche se si limita a esprimere un’opinione o a chiedere che chi si vuole sottoporre ad aborto sia informato correttamente su tutte le alternative a questo gesto estremo.

Paladina dei diritti degli abortisti sembra essere la Francia, dove la legge Weil del 1975 ha introdotto la figura del “reato di intralcio all’aborto”. Chi lo commette dimostra di essere “abortofobo”.

Un nuovo provvedimento per “bastonare gli antiabortisti” introduce due articoli “di straordinaria gravità”: il primo modifica la legge che permette l’aborto alle donne “in situazione di difficoltà”. “Si tratta di un’evidente foglia di fico e la storia francese non riporta nessun caso – neppure uno solo – di donne cui sia stato negato l’aborto non riscontrando la ‘situazione di difficoltà’. Ora queste parole saranno modificate, e la nuova legge affermerà che l’aborto è permesso alle donne ‘che non desiderano portare a termine la gravidanza’. Non ci sarà nessuna conseguenza pratica – l’aborto in Francia di fatto è già permesso a qualunque donna lo chieda -, ma il cambiamento è decisivo dal punto di vista del principio. L’aborto non è più considerato la conseguenza di una difficoltà, un dramma, una sconfitta ma un’opzione del tutto normale e un diritto” (La Nuova Bussola Quotidiana, 24 gennaio).

Il secondo emendamento alla legge sull’aborto vieta di ostacolare l’aborto non più solo fisicamente, cosa che era già in vigore, ma anche psicologicamente. “Leggendo i lavori preparatori si comprende che l’intenzione del legislatore è vietare che negli ospedali si parli alle donne di alternative all’aborto, che dentro gli ospedali circolino volontari dei centri di aiuto alla vita, e che anche fuori e nei dintorni degli ospedali si svolgano proteste o si offrano informazioni favorevoli alla vita alle donne”.

La legge è passata in prima lettura, ma ne attende una seconda.

Il ministro dei Diritti delle donne, Najat Vallaud-Belkacem, si è spinta fino a sostenere che gli aborti in Francia potrebbero essere ancora troppo pochi. Il fatto che il 35% delle donne francesi sia passata per l’aborto e lo scorso anno siano stati uccisi 220.000 bambini, a fronte di 810.000 nascite, sembra probabilmente poco rilevante. Visto poi il “cattivo esempio” della Spagna, che si appresta a introdurre qualche limitazione all’aborto, il ministro della Sanità Marisol Touraine ha chiesto una “mobilitazione” contro il progetto di legge spagnolo.

L’“abortofobia” sembra quindi destinata ad avere lunga vita Oltralpe. La prima vittima è stato un signore di 84 anni, Xavier Dor, noto combattente pro-life che è stato riconosciuto colpevole di aver regalato a una donna incinta un paio di scarpette da neonato per dissuaderla dall’aborto. Dovrà ora pagare una multa di 10.000 euro, e rischiava anche un mese di carcere.

In base al “reato” di “abortofobia”, i pro-life francesi possono ora essere processati e condannati anche solo per le attività di informazione e dissuasione in ospedale, per aver indicato alla donna un numero di telefono o per averla indotta a riflettere su cos’è l’aborto.

Allo stesso modo, vengono criminalizzati coloro che organizzano e partecipano a Marce per la Vita o hanno siti web antiabortisti. La pena massima prevista dalla legge è di 2 anni di prigione e 30.000 euro di sanzione.

Di fronte ai magistrati che gli hanno letto la sentenza, Xavier Dor, che definisce da anni lo Stato francese “République luciférienne”, ha dichiarato: “Criminale è uccidere un bambino”.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →