Battesimo negato a figli di madri surrogate

6 febbraio 2014 21:19 10 comments

Di Tommaso Scandroglio

26 Gennaio 2014

lanuovabq.it

Il Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa ha di recente pubblicato un lungo documento che tra le altre cose parla di maternità surrogata. Questa pratica, permessa dalle leggi russe, viene definita come “contro natura e moralmente inaccettabile, […] umiliante per la dignità umana della donna, il cui corpo, in questo caso, è considerato come una sorta d’incubatore”. Una tecnica di riproduzione che è lesiva “per il bambino stesso che, invece di una madre intera, ne ha due parziali, o meglio nessuna” e dannosa per la società nella quale “si sta perdendo il concetto di famiglia”.

Dal piano della valutazione morale il Santo Sinodo passa poi a quello sacramentale: al bambino nato da madre surrogata deve essere negato il battesimo. “Il bambino – spiega il Sinodo – non è responsabile per le azioni dei suoi genitori e non è colpevole del fatto che la sua nascita sia stata associata a una tecnologia riproduttiva condannata dalla Chiesa. D’altra parte la responsabilità dell’educazione cristiana del bambino è responsabilità dei genitori e dei padrini” ai quali è chiesto di pentirsi dell’atto commesso: “si rendano conto che da un punto di vista cristiano – spiega il documento – una tale tecnologia di riproduzione è moralmente riprovevole”, altrimenti niente battesimo. Parrebbe che il clero ortodosso butti il bambino con l’acqua… benedetta.

Proviamo a verificare se la decisione del Sinodo eccede per troppo rigore oppure è corretta. Lo facciamo attingendo a documenti di matrice cattolica, la cui validità teologica e pastorale può però essere estesa anche agli ortodossi.

Al fine di amministrare il sacramento ci deve essere fondata speranza che questo produrrà frutto: altrimenti è come piantare un albero consapevoli che certamente morirà a breve. Per dare frutto occorre la cooperazione in primis dei genitori e poi dei padrini (Codice di diritto Canonico, cann. 226, § 2; 774, § 2; 851, n. 2°). Sia i genitori che i padrini infatti devono “cooperare affinché il battezzato conduca poi una vita cristiana conforme al battesimo e ne adempia fedelmente gli obblighi” (can. 872). Se dunque papà, mamma e padrini non riescono a dare garanzie sufficienti che il bambino crescerà secondo i valori cristiani è inutile procedere al battesimo.

Così si esprime la “Pastoralis actio – Istruzione sul battesimo dei bambini” siglata dalla Congregazione per Dottrina della Fede nel 1980 in merito al battesimo richiesto da genitori poco credenti o non cristiani: “La Chiesa, infatti, non può venire incontro al desiderio di questi genitori, se essi non danno la garanzia che, una volta battezzato, il bambino riceverà l’educazione cattolica richiesta dal sacramento; essa deve avere la fondata speranza che il battesimo porterà i suoi frutti. Se le garanzie offerte — ad esempio la scelta di padrini e madrine che si prenderanno seria cura del bambino, o l’aiuto della comunità dei fedeli — sono sufficienti, il sacerdote non potrà rifiutarsi di amministrare senza indugio il battesimo, come nel caso dei bambini di famiglie cristiane. Ma se le garanzie sono insufficienti, sarà prudente differire il battesimo” (30). L’indicazione pastorale ha anche una valenza pedagogica nei confronti dei genitori affinché diano un colpo di reni alla loro vita cristiana e di certo non adombra intenti ricattatori.

Da qui la domanda: genitori che hanno avuto un figlio tramite la pratica dell’utero in affitto – ma anche tramite Fivet – possono dare sufficienti garanzie che il loro pargolo crescerà da vero cristiano? Appare evidente che simile scelta dimostra con i fatti che le idee dei genitori sulla morale sono incompatibili con quelle della Chiesa, cattolica e anche ortodossa. Prova ne è che una condizione per essere ammessi al ruolo di padrino sta nel fatto che il candidato “conduca una vita conforme alla fede e al compito che sta per assumere” (can. 874, § 1, n. 3°). E se questo vale per il padrino, a maggior ragione per i genitori.

Detto in altri termini, è difficile sostenere che chi ha detto sì alla maternità surrogata o più in generale alla fecondazione artificiale sia poi in grado di allevare il figlio secondo miglior dottrina cristiana. E dunque il pentimento esplicito verso questa pratica potrebbe essere giustificato e configurare quel minimum richiesto ai genitori per ammettere il pargolo al battesimo e per superare quella presunzione di inadeguatezza nata dalla scelta di optare per l’utero in affitto o per la provetta (terribile responsabilità dei genitori che si giocano l’eternità dei propri figli). Buon pro faccia ai parroci nostrani questa indicazione proveniente dai “colleghi” russi.

Detto questo però il documento della Congregazione per la Dottrina della Fede appena citato indica anche un’altra strada per far accedere il minore al battesimo, nonostante i genitori non brillino per fede adamantina: “la scelta di padrini e madrine che si prenderanno seria cura del bambino, o l’aiuto della comunità dei fedeli”. I genitori potranno essere anche non adatti ad educare cristianamente il figlio, potranno rimanere fermi nell’idea che la maternità surrogata e la provetta siano pratiche ineccepibili dal punto di vista etico, però se assicureranno che il figlio crescerà sotto le ali cristiane del padrino o verrà inserito in un ambiente religiosamente sano ecco che si potranno per lui aprire le porte del battistero.

Vero, ma difficile da ipotizzare nel concreto, ci pare.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →