Macché relativismo…

11 febbraio 2014 21:32 2 comments

Di Rino Cammilleri

10 febbraio 2014

pepeonline.it

Non capisco perché continuino a chiamarlo «relativismo» quando non ha niente di relativo ma si tratta di un assoluto, obbligatorio e penalmente sanzionato. Non a caso i suoi sostenitori sono gli ex sessantottini oggi al potere in tutte le istituzioni, nazionali e internazionali. Erano marxisti e ora sono «politicamente corretti», ma il vizio è lo stesso, è il giacobinismo della minoranza che non si ferma finché non sia riuscita a plasmare il mondo a sua immagine. Per amore o per forza. «Faremo della Francia un cimitero pur di rigenerarla a modo nostro», diceva un alto esponente robespierriano. E giù secoli di totalitarismi. E di morti ammazzati. Chi non è d’accordo finisce nel lager, nel gulag, nel laogai o semplicemente in galera.

Il nuovo Regime che s’avanza a grandi passi ha i seguenti connotati: è ecologista, salutista, eugenista, omofilo, eutanasico e, soprattutto, anticristiano. Può contare su attivisti la cui devozione alla causa non ha nulla da invidiare ai martiri cristiani dei primi secoli.

Pensate ai rischi che corrono e ai sacrifici cui si sottopongono gli assaltatori marittimi che combattono contro la caccia alle balene.

Pensate alle Femen e alle Pussy Riot. Pensate a quella deputata texana che stette in piedi a parlare nove ore, senza bere né andare al cesso, per bloccare una legge antiabortista.

Pensate alla pazienza certosina con cui deputati europei, a cadenza mensile, cercano di far introdurre nelle legislazioni nazionali l’obbligo di insegnare la filosofia Lgbt nelle scuole di ogni ordine e grado.

Pensate alle migliaia di attori, registi, sceneggiatori, pittori e scultori che, qua e là, infilano alle mostre, nei teatri, nei luoghi pubblici e dovunque possono le loro «opere» ossessivamente Lgbt. Col dichiarato scopo di «educare» anche (o soprattutto) i bambini.

Pensate a quei giudici che semplicemente aggirano le leggi in vigore quando in ballo ci sono aborti, inseminazioni artificiali, selezione di embrioni o, al solito, tematiche Lgbt.

Pensate a quei consigli comunali, provinciali o regionali che introducono «registri» pro-unioni civili e/o nozze gay. Non hanno valore legale, si sa, ma servono, appunto, a «educare» il popolo. Anche usare tutte le pieghe più riposte del codice per neutralizzare gli avversari del Progetto Unico Universale rientra in questo programma.

Il Vangelo dice chiaramente che «i figli di questo mondo sono più scaltri», e ammette, per converso, che se gli sforzi che costoro pongono in essere fossero adoperati per il Regno dei Cieli il pianeta sarebbe pieno di santi. Si cooptano tra loro, si soccorrono, si spianano la strada per la carriera l’un l’altro. Ed è così che invadono cattedre, poltrone, scranni, media. A un solo scopo: «educare» il prossimo a ubbidire alle loro parole d’ordine.

Ormai il futuro è segnato, anche perché non si vede chi possa contrastarlo. Tanto darsi da fare ha già prodotto la modificazione del pensiero collettivo, e le menti dei più sono già state plagiate. Così, un’inquisizione diffusa intimidisce i rimanenti riottosi, che non osano sfidare il linciaggio e, per quieto vivere, si adattano al bis-pensiero orwelliano. Ma l’Uomo Nuovo è già sorto, e sta dilagando.

Mi si permetta un aneddoto personale. Qualche tempo fa mi permisi di far notare a un sindaco di un posto minuscolo e sperduto quanto fosse pretenziosa, colà, la raccolta differenziata dei rifiuti. La quale era effettuata «a calendario»: il lunedì la plastica (ma solo le bottiglie), il martedì la carta, e così via. In un borgo popolato soprattutto da anziani, si traduceva in un marchingegno tanto farraginoso quanto defatigante, tant’è che molti, nottetempo, depositavano i loro rifiuti, indifferenziati, nei cestini al parco. Feci anche notare che, a rigor di logica, se la differenziazione doveva farla il cittadino, la tassa sui rifiuti sarebbe dovuta diminuire proporzionalmente. Il sindaco in questione (si badi, cattolico e di destra) mi rispose a mezzo stampa, in perfetto politichese, che, in ogni caso, la misura serviva a «educare» il cittadino al rispetto dell’ambiente. Eggià: come i rinoceronti di Ionesco, anche lui era diventato giacobino. Replicai garbatamente che, essendo laureato, non avevo alcun bisogno di essere «educato» da chicchessia, e che i sindaci li si elegge perché amministrino, non perché «educhino» . Naturalmente, sapevo bene che la mia replica a nulla sarebbe servita. Infatti, la Strategia dell’insistenza e della pervasività conta sulla comparsa degli «utili idioti» di leniniana memoria, e sulla loro complicità inconsapevole.

A piccoli passi il Pensiero Unico diverrà fatalmente obbligatorio per tutti e, come ho detto all’inizio, sanzionato penalmente (pensate alla legge prossima ventura sulla cosiddetta «omofobia», che introdurrà il divieto di critica e la censura delle Lettere di San Paolo). La cosa che più mi dispiace, devo dire, è che, quando toccherà a me, avranno già introdotto il divieto di fumare anche in galera.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →