La difesa della vita nella Chiesa

24 marzo 2014 19:34 6 comments

Di Stefano Fontana. Conferenza all’Associazione Verità e Vita

Bologna, Convento di San Domenico

15 marzo 2014

vanthuanobservatory.org

Durante il pontificato di Giovanni Paolo II era emersa la linea del rilancio della Dottrina sociale della Chiesa e, contemporaneamente, del suo strutturale collegamento con il tema della difesa della vita. L’enciclica Evangelium vitae (25 marzo 1995) doveva essere intesa come un’enciclica sociale. Era la prima volta che, organicamente, si affrontava il tema dell’aborto e degli altri attentati alla vita umana come il principale problema sociale e politico e non solo come un problema di morale personale. L’etica della vita – e il Vangelo della vita – diventavano così parte integrante dell’etica sociale e del Vangelo sociale. Il centro dell’Enciclica, da questo punto di vista, era il paragrafo 25 della stessa, dove si diceva che la società non è una massa di individui ammucchiati l’uno sull’altro ma è un tutto ordinato e il primo principio di questo ordine è il rispetto per la vita nascente. Nasceva il concetto, se non l’espressione, dei principi non negoziabili, che del resto appartiene alla tradizione del diritto naturale cristiano.

Dicevo che nell’età di Giovanni Paolo II si era tentato il rilancio della Dottrina sociale della Chiesa nel suo insieme. Il Cardinale Woytjla già prima di diventare Papa aveva espresso, in una famosa intervista a Vittorio Possenti, la sua convinzione circa la necessità di questo rilancio. Poi, appena divenuto Papa, era andato a Puebla nel 1979 e lì contrappose la Dottrina sociale della Chiesa alla teologia della liberazione, come del resto farà, molti anni dopo, precisamente nel 2007, Benedetto XVI ad Aparecida. Poi venne l’inserimento della Dottrina sociale della Chiesa nel Catechismo, quindi la Centesimus annus e poi l’esame di coscienza sulla DSC al giro di boa boa del millennio con la Tertio Millennio adveniente e il Compendio della Dottrina sociale della Chiesa. Si può dire, però, che un vero rilancio della Dottrina sociale della Chiesa secondo le aspettative di Giovanni Paolo II non sia avvenuto. E non è quindi nemmeno avvenuto l’inserimento organico dentro la DSC del tema della vita come richiesto dalla Evangelium vitae.

***

Il tema della vita richiama immediatamente al problema dell’essere e richiede uno sguardo metafisico, anzi specificamente ontologico. Il tema della vita è un tema metafisico, anche se non solo. Un tempo questo sguardo ontologico era spontaneo nelle persone e nessuno metteva in dubbio che quanto riempiva la pancia di una donna gravida fosse un essere personale umano. Questo era dovuto al fatto che questo sguardo ontologico sulle cose appartiene al senso comune, è naturale e spontaneo. Non è una questione per studiosi. Un bambino, se non viene mentalmente traviato, è un filosofo realista. Ad un certo punto non è più stato così. La vita ha continuato, naturalmente, ad interpellare il nostro sguardo ontologico, ma questo è stato mentalmente traviato e molti non sono più stati in grado di vedere in ciò che riempie la pancia di una donna gravida una persona umana.

Al criterio dell’essere si è sostituito quello del soggetto e la visione del mondo realista è stata sostituita da quella costruttivista. Questa visione costruttivista ha molte varianti, tutte però hanno in comune l’idea che il soggetto che conosce è dentro il quadro che egli deve conoscere e, quindi, non può conoscere ma solo interpretare. La metafisica è così sostituita dall’ermeneutica. Questo è avvenuto anche per la fede, come dirò in seguito, che ha smesso di essere conoscenza ed è diventata esperienza di un soggetto che, essendo in essa coinvolto, non potrà arrivare a nessuna verità assoluta ma solo ad interpretazioni. Nasce qui l’idea che è possibile solo la pastorale e non la dottrina. C’è stato quindi un progressivo declino della consapevolezza della ragione di conoscere l’essere, che spiega, anche se non giustifica, l’attuale situazione di smarrimento nichilista della ragione più volte messa in evidenza da Benedetto XVI. La natura, come una lingua che ci parla dicendoci chi siamo e, quindi, come dobbiamo vivere, non ha certo smesso di parlare, ma gli uomini non sono più stati in grado di capirla. Il declino dello sguardo metafisico è la più grande sventura, sul piano culturale e delle idee, dell’umanità di oggi, come aveva ben diagnosticato la Fides et ratio (14 settembre 1998). Senza questo sguardo metafisico non è possibile difendere la vita e non è possibile parlare di Dottrina sociale della Chiesa. Anzi, nemmeno di Dottrina.

La fede cattolica porta dentro di sé una metafisica. Quando Leone XIII volle rispondere al mondo moderno che estrometteva Dio dagli Stati cristiani rilanciò la metafisica con la Aeterni Patris e impostò la Dottrina sociale della Chiesa con la Rerum novarum e le altre encicliche sociali. Ed è questo che il tema della difesa della vita ricorda non solo alla Dottrina sociale della Chiesa ma alla Chiesa stessa circa la sua fede. La fede cattolica o riguarda l’essere o non è. I dogmi cattolici dichiarano una dimensione ontologica, altrimenti sono formulazioni mitiche o indicazioni operative. I dogmi cattolici esprimono un piano dell’essere, il piano soprannaturale a noi partecipato per i meriti di Cristo. Tale piano soprannaturale completa e quindi prevede quello naturale. I dogmi cattolici hanno bisogno quindi che la fede sia intesa come conoscenza e che essa presupponga lo sguardo ontologico come propria grammatica. Parole come grazia, nuova creatura, sacramenti, peccato, creazione, redenzione, comunione, transustanziazione, pentimento, perdono, giustificazione, anima, salvezza, Chiesa o hanno un senso ontologico o non hanno senso. Solo l’essere conta. La fede non può essere solo esperienza, ossia solo esistenza. Sarebbe una patina superficiale che non trasforma il nostro essere. Il Battesimo è sì un incontro, ma è prima di tutto una nuova dimensione dell’essere in cui siamo assunti. Cristo non sta “nei nostri cuori”, siamo noi che “stiamo” – in tutto il nostro essere – in Cristo. Cristo, con la sua morte e risurrezione, non ha dato una pennellata di colore al mondo come si fa con le pareti di casa, lo ha ri-creato. Lo ha rimesso a posto nel suo essere.

La Dottrina cattolica svela l’essere della vita cristiana. Senza dottrina non c’è essere e senza essere non c’è dottrina. Quando non viene percepita l’importanza della dottrina significa che non viene percepito che la fede cattolica è una proposta che riguarda il nostro essere e che viene espressa nei dogmi. La dottrina non può cambiare. I dogmi riguardano l’essere e l’essere non muta. La fede non è sentimento, autocoscienza, esistenza, prassi. La fede è uno “stare” perché riguarda l’“essere”. La fede non è ricerca ma possesso. Non è domanda ma risposta. La sua figura adatta è la contemplazione prima che l’azione. Infatti, come l’essere prevale sul niente, lo stare prevale sul divenire, l’identità sulla molteplicità e il contemplare sull’agire. Quanto non si radica nell’essere, prima o dopo non è. Quando la pastorale perde i contatti con l’ontologia si perde nel dialogo sociologistico, nell’incontro esistenziale, nell’agire collettivo. Anticipare la pastorale rispetto alla dottrina è una conseguenza della rinuncia allo sguardo metafisico.

La vita richiama l’essere, la vita di fede richiama il nuovo piano dell’essere, ma anche la costruzione della società richiede uno stesso sguardo sull’essere, quello che ci mostra la società non come un mucchio di individui, per tornare all’esempio della Evangelium vitae, ma come un insieme ordinato. È vero che tale insieme ordinato si può vedere anche con la sola ragione, ma è altrettanto vero che solo la fede ci permette di mantenere lo sguardo fermo su di esso, perché lo vediamo come frutto del Creatore. Se oggi si accaniscono per demolire l’ordine naturale è per demolire quello soprannaturale. Se rifiutano che la ragione possa conoscere un ordine naturale è perché temono che essa, fatto questo passo, faccia anche l’altro verso il Fondamento. Non è la vita segno di contraddizione. È Dio. E se tante forze oggi sono mobilitate contro la vita è perché sono mobilitate contro Dio. E questo vale anche per la Dottrina sociale della Chiesa, che viene spesso depurata dei suoi riferimenti alla centralità di Dio nella costruzione della società.

Da quanto è detto risulta che il matrimonio tra tema della vita e Dottrina sociale della Chiesa “s’ha da fare”. Come sono andate finora le cose ci interessa fino ad un certo punto. A noi interessa come stanno le cose, non come sono andate le cose. Da questo matrimonio dipende, umanamente parlando, anche le sorti della fede religiosa nel mondo di oggi, dipende il ruolo pubblico della religione, il rapporto tra fede e ragione perché o il mondo ha un senso oppure non si capisce perché Dio abbia voluto parlarci. Per aggiungere la sua opinione alle nostre opinioni?

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →