Padre Rastrelli: «Con le slot lo Stato incentiva l’usura»

7 aprile 2014 07:56 3 comments

Di Enzo Ciaccio

21 Dicembre 2013

lettera43.it

Da 25 anni gira per i vicoli di Napoli. Estinguendo i debiti di chi è caduto nelle mani degli strozzini. Don Rastrelli racconta la sua battaglia. E attacca i politici che «difendono» l’azzardo.

Usa parole di fuoco contro «i politici italiani» che «stanno tentando di penalizzare i Comuni schierati contro le slot machine». Dice che hanno confermato di essere «i peggiori del mondo», anzi il «degno specchio di uno Stato che incentiva gioco d’azzardo, strozzini e suicidi». Per lui, denunciare gli usurai «non serve a niente», perché «qualsiasi giudice in tribunale ha bisogno di prove ma la vittima di usura non riesce mai a portarle». Invece, assicura, «è importante farsi carico del dramma estinguendo subito il debito».

UN MIRACOLO DURATO 25 ANNI. Ha 86 anni, è un gesuita dai modi spicci ma anche teneri, sempre in abito talare, lo sguardo leale di chi ama la trincea. Padre Massimo Rastrelli, ideatore della Fondazione Giuseppe Moscati, da un quarto di secolo compie nei vicoli di Napoli una sorta di silenzioso miracolo quotidiano: lui, nella città più sofferente d’Italia, salva «a proprie spese» migliaia di poveracci finiti in balìa degli usurai estinguendo i debiti a suon di banconote elemosinate senza sosta fra la gente.

LA CONVENZIONE CON LE BANCHE. Poi – una volta azzerato il rischio di minacce e ricatti – fa sì che l’usurato venga messo in condizione di ripianare l’ammanco tramite convenzioni con banche amiche a tasso ridotto e tempi ragionevoli. «Chi 25 anni fa definì un’utopia la mia strategia», dice padre Rastrelli a Lettera43.it, «ha dovuto ricredersi: percepisco fondi dallo Stato, ma solo per la prevenzione. Per i salvataggi, confido nella generosità del prossimo: finora ho messo nelle banche 270 milioni di euro e ho risolto più di 4 mila casi. Da Nord a Sud, in Italia operano altre 28 fondazioni come la mia. Nell’80% dei casi le vittime hanno restituito le somme dovute. Senza scuse né ritardi».

DOMANDA. Chi l’aiuta?
RISPOSTA. Di certo, non i politici italiani.

D. Ce l’ha con loro. Perché?
R. Stanno tentando di penalizzare i Comuni schierati contro le slot machine. Si confermano fra i peggiori del mondo, il degno specchio di uno Stato che da sempre incentiva il gioco d’azzardo, l’usura, i suicidi.

D. Con la crisi in atto, gli strozzini fanno festa.
R. La crisi non fa che acuire il fenomeno, che esiste da sempre in misura permanente.

D. Chi l’aiuta, insomma?
R. Non i ricchissimi, che non donano mai granché. Per i salvataggi degli usurati mi aiutano alcuni Comuni, qualche ente. Ma soprattutto la gente che vive di stipendio o di pensione.

D. Qualche banca?
R. Nessuna.

D. Come funziona la Fondazione?
R. Ogni martedì prendiamo in esame le domande di aiuto: arriva di tutto, ne accettiamo 40 a settimana.

D. Grazie alle collette. Ma se e quando il denaro manca, lei che fa?
R. Dico agli usurati: fratelli, oggi non ho un soldo. Se domani Iddio me ne darà, potrò aiutarvi.

D. Se un usurato non riesce a pagare, che fate?
R. Possiamo sostituirci a lui nel pagamento, ma solo per il 10% della spesa globale annua. Finora, lo abbiamo fatto per 3 milioni e 600 mila euro.

D. Oggi a gestire l’usura non è più il cravattaro sottocasa ma i manager di camorra targati clan dei Casalesi o di Secondigliano: lo scenario cambia. E voi?
R. Lo Stato finanzia la Fondazione perché faccia opera di prevenzione, aiutando la gente prima che finisca sotto ricatto. Dopo, tutto diventa più difficile: bisogna pagare e basta.

D. E quindi?
R. Abbiamo scelto di pagare noi le somme, per poi mettere le vittime in condizione di non ricaderci.

D. Perché non crede all’utilità delle denunce?
R. La denuncia è un cattivo consiglio. Anzi, una falsa soluzione.

D. Spieghi meglio…
R. Un giudice ha bisogno di prove, ma la vittima di usura di prove da fornire non ne ha quasi mai. I processi poi in Italia sono eterni: si derubrica, si stralcia, si archivia. E spesso l’usurato finisce per sentirsi perfino un po’ colpevole. E alla fine resta solo. E dovrà pagare pure la parcella ai legali.

D. Quindi, che fare?
R. L’usura è una cosa seria: del dramma bisogna farsi carico subito e con i fatti.

D. Cioè?
R. La croce va portata addosso, il resto sono solo chiacchiere.

D. L’usura intanto è in aumento.
R. È in aumento, ma non per la crisi: la colpa è della malavita che opprime, del costume consumistico, dello sballo spirituale in atto. E di Equitalia che applica sanzioni pecuniarie spesso assurde.

D. Esiste o no un’usura legalizzata?
R. Esiste. Nel gioco d’azzardo, per esempio. Non dimentichiamo che Gesù fu crocifisso in modo legale, anche se immorale.

D. Chi è l’usurato tipo?
R. Può essere uno che ha subìto un grave incidente, o uno sfrattato, o chi ha avuto una lunga malattia o si è trovato licenziato in età avanzata. C’è chi finisce sotto usura per colpa di conguagli di bollette troppo onerosi o anche chi ha divorziato.

D. Lei, però, sostiene che l’italiano tende comunque a far debiti.
R. È vero. Pretende spesso di spendere oggi quel che dovrebbe servire al nutrimento di domani. È una sindrome culturale. Ma c’entra anche il retaggio familiare.

D. Se l’usura dilaga, la responsabilità è anche delle banche?
R. Le banche hanno le loro colpe, ma per i prestiti da investimento e non per quelli di soccorso che sfuggono alle regole dell’economia.

D. Perché?
R. Perché le banche non possono prestar soldi a chi non può pagare. Perciò, c’è bisogno di chi supplisca assumendosi il ruolo di garante.

D. Lei oggi si ritrova sovraesposto con le banche. Di quanto?
R. Da rappresentante legale della Fondazione ho accumulato migliaia di euro di debiti non miei che vengono pian piano estinti dagli interessati.

D. È difficile andare avanti?
R. Molto.

D. A don Maurizio Patriciello, il parroco di Caivano che combatte in Terra dei fuochi, sarà forse assegnata la scorta. Lei che combatte gli usurai si sente in pericolo?
R. So per certo di 16 strozzini che nel corso degli anni si sono pentiti e convertiti. Altri sono venuti a chiedermi prestiti, ma solo per verificare se e come avrei indagato su di loro.

D. Ha paura?
R. Di quel che faccio rispondo solo a Dio. I delinquenti non mi interessano. E non li temo. Io prego, e so che la preghiera può fare miracoli.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →