La verità, che costruisce il “Noi”

15 maggio 2014 13:20 4 comments

SCUOLA DI FORMAZIONE SOCIO-POLITICA “Beato Toniolo”

La verità, che costruisce il “Noi”, quarto pilastro per la PACE

Martedì 13 maggio 2014

Di Mons. GianCarlo Maria Bregantini

Partiamo dalla grande scoperta che fa san Paolo: La carità si compiace della verità, si rallegra in essa perché non gode dell’ingiustizia. (1 Corinzi 13, 6). Con quest’ottica, SEGUIAMO IL CUORE di Gesù, che incontra la samaritana.

Una meditazione che ci aiuterà a scoprire come Gesù aiuti quella donna, smarrita nella vita, a ritrovare la verità con se stessa. Come cioè Gesù sappia cogliere il piccolo frammento di sete di bene, quella sete di verità e di cose pulite che c’è nel cuore di ciascuno. Così, proprio alla luce del brano biblico, ho la possibilità e la gioia di tratteggiare alcune piste, personali, educative e sociali, per fondare la pace nella verità. Non solo sulla verità. Ma anche e soprattutto nella Verità. E’ l’intuizione di san Giovanni XXIII, che lungo tutto l’anno stiamo portando avanti, passo dopo passo. Ho individuato sette passaggi, che Gesù compie con la Samaritana. Utili anche per noi, oggi, per incontrare la verità e fare luce nel buio.

1. Gesù giunge stanco al pozzo. Sotto il sole cocente del mezzogiorno. Ma non disdegna di dialogare, di uscire dalla sua realtà. Non si fa autoreferenziale. Ma dialogico, aperto, pronto, pur nella sua stanchezza evidente, ben annotata da Giovanni apostolo. Segno di uno stile: mai demordere, mai trascurare, mai pensare che ho fatto abbastanza. E’ lo zelo per la verità, per la salvezza degli altri, per venire in aiuto a tutti.

2. L’incontro è casuale, Ma si trasforma, per l’abilità dialogica e relazionale di Gesù, in un capolavoro pedagogico. Un incontro da casuale a provvidenziale. Perché in tutti c’è sete di verità. Nel cuore di ciascuno. Nella storia di ogni persona, c’è un grande bisogno di verità, di luce, di chiarezza. Oltre le apparenze, davanti alle quali Gesù non si è fermato. Ma ho colto il bene, il grano buono, anche davanti alla zizzania evidente in quella donna. E’ la capacità lungimirante di cogliere i germogli, i semina Verbi, che ogni cuore tiene in serbo.

3. 4. Ho sete, dice Gesù, iniziando così un dialogo bellissimo e fruttuoso. E’ lui che stende la mano. E’ lui che “esce” da se stesso ed incontra. Dialoga, va verso. Oltre tre grosse difficoltà che gli si presentano immediatamente. Le supera, con una chiarezza di verità esemplare.

• La sua stanchezza, personale. •

La diffidenza sociale. Cioè l’imbarazzo, poi evidenziato anche dai discepoli, di parlare con una donna. E’ la rottura degli schemi sociali anchilosati, rigidi, che bloccano la crescita della verità, che tarpano le ali, che impediscono di volare oltre le paure e i preconcetti.

• Le abitudini culturali e politiche, che avevano creato un fossato tra i samaritani ed i Giudei. Gesù non resta bloccato dentro la tradizioni del posto. Né si lascia limitare dalle consuetudini rigide religiose (si adora Dio sul monte Garizim o in Gerusalemme? Né qui né lì, perché Dio lo si adora in spirito e Verità!). Ecco allora la prima definizione di Verità, nel cuore del cammino biblico. Verità è saper andare oltre, superare gli schemi, intraprendere sentieri nuovi. E’ il dono dello Spirito Santo: INTELLETTO. Cioè quell’intus legere, che fa grande un maestro, un prete, un genitore, un politico. La Menzogna invece è allora l’opposto. Cioè il fermarsi alle apparenze, il credere ai luoghi comuni, il prestar fianco alle cose che tutti ripetono, il lasciarsi bloccare dalle accusa infondate contro di te. Menzognero è l’apparenza. Verità è la profondità delle cose e delle persone e dei fatti. E’ leggere nel cuore!

5. – Gesù allora scava nel cuore, nella storia personale, nella vicenda affettiva e familiare di quella donna, che casualmente ha davanti. Ne intuisce le ferite. E le sa far emergere. Cioè pone quella donna davanti alle sue menzogne, alle storture, evidenti a lui, che l’hanno resa vuota, fallita, inquieta e sconvolta. Qui, la sua capacità educativa è vincente: cerca infatti sempre la briciola di bene che c’è nel cuore di tutti. Infatti, dopo aver ascoltato la sua storia, le sue riflessioni, eccolo a lodarla: Hai detto bene. Hai detto il vero!. Quindi incoraggia: Vai a chiamare tuo marito!. La riempie così di attenzione personalizzata, unica. Con un amore ed una tenerezza mirabile. Le restituisce lentamente quella verità che sarà il fondamento della sua nuova dignità! La verità. Cioè, emerge solo perché accompagnata da tanto amore! Si giunge alla verità, perché si è amati. E si diventa amanti. E la forza dell’amore è il fondamento sulla verità: la carità si compiace della verità! E’ anche la grandezza della FIDES QUA. Cioè di quella fede che il cuore può e deve scoprire. E’ il credere in ed il credere a….(cfr Lumen Fidei n. 18). Papa Bergoglio afferma che nel popolo c’è una fede, vera,sofferta, sudata, consolidata, che già da giovane vescovo in Buenos Aires così riassumeva. “Quando vuoi sapere ciò che crede la Madre Chiesa, rivolgiti al Magistero, perché esso ha l’incarico di insegnarlo in maniera infallibile; ma quando vuoi sapere come crede la Chiesa, rivolgiti al popolo fedele.

6. – Ma quella donna non ha solo incontrato Gesù, ma adagio adagio lo riconosce, con la forza della verità che esplode nella fides quae. Cioè quella fede che le fa riconoscere in Gesù un triplice passaggio, in crescendo, in armonia progressiva. Per la forza stessa della verità, che ti coinvolge, ti prende e ti porta sempre più in alto, sulle vette della teologia e della spiritualità. Raggiunta qui anche da una donna apparentemente “scartata”. Afferma infatti: Tu sei un Profeta; tu sei il Messia, Tu sei il salvatore!. Tre passaggi di scoperta progressiva della verità. E’ la forza della fides quae, cioè quella fede che è oggettiva. Come la verità Salvante e trasformante. Anzi, quella verità ora si trasforma così realmente nella sorgente che zampilla per la vita eterna! Così è la verità: una sorgente, dall’acqua sempre fresca e viva. Perenne. Accresciuta da una ricerca umile e tenace. Compito allora del Magistero è proprio quello di custodire questa verità, intatta, perenne, pur nella progressiva crescita che lo Spirito Santo opera nel cuore di ciascuno di noi, per giungere alla verità tutta intera!

7. Ed eccoci alla svolta decisiva, quando la samaritana lascia la brocca accanto al pozzo e si reca in città ,per dire a tutti, per testimoniare che Gesù le ha detto tutta la verità, tutto ciò che ho fatto! Il suo passato però non è più di peso né di vergogna. Ma in quella verità, scoperta nell’amore misericordioso di Gesù, diventa fonte di grazia. Perché può annunciare a tutti la sua gratuità, con cui è stata avvolta! La verità biblica, allora, non è solo adequatio rei et intellectus (la conformità della conoscenza con la realtà), come ci ha insegnato la sapienza greca. Ma è ben più: è fedeltà, è sicurezza, è roccia. E’ emet. Che deriva dal verbo ebraico aman, da cui noi ricaviamo una paroletta decisiva per fondare la nostra verità: Amen. Per questo, la verità è adorare il Dio unico, ed amarlo con tutto il cuore! La menzogna invece è adorare gli idoli e non il Dio vero, ma gli idoli. L’idolatria è menzognera. Inganna. Rovina e distrugge la nostra dignità. Perché crea la strada sdrucciolevole che ci porta alla morte. E distrugge tutta la nostra società. E’ ingannare, noi stessi e gli altri. E’ quindi tradire. Voltare le spalle, è marchio di infamia e non sigillo i luce sulla fronte, come per gli eletti. Vedi i capitoli 12 e 13 dell’Apocalisse. 8. – Non ci resta che rendere testimonianza alla VERITA’, come ci ha insegnato Gesù, davanti a Pilato: Dunque tu sei re? Rispose Gesù: Tu lo dici: io sono re. Per questo sono nato e per questo sono venuto nel mondo, per rendere testimonianza alla verità Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce. Gli dice Pilato. Che cos’è la verità?”. (Gv 18,37-38). La Verità, allora, tanto cercata ed amata, perchè è CRISTO stesso: Io sono la via, la verità e la vita! (Gv 14,6). Da qui, tutte le conseguenze di questa appassionante ricerca: personali, pedagogiche e sociali….!

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →