Il Romanzo seminale

20 maggio 2014 13:13 26 comments

Di Mario Adinolfi

20 maggio 2014

facebook

All’Antonianum alle 23.30 ieri sera guardavo tutte le vostre facce: eravate tanti, tanti, tanti e nessuno si alzava per andare via. Nessuno correva a casa per non perdersi Beppe Grillo a Porta a Porta, nessuno si ricordava che all’indomani la sveglia avrebbe suonato presto per mandarci a lavoro, eravate lì ad ascoltare un prete piemontese che con il pudore degli uomini coraggiosi diceva una cosa bella e sfrontata. Prendiamoci Roma. E il primo passo di un cammino era compiuto.

Ieri sera contro i falsi miti di progresso ci siamo schierati riempiendo un teatro, platea e galleria. Platea, 572 posti. Galleria, mi pare, un centinaio. Lo abbiamo fatto parlando di ideologia del gender, matrimonio omosessuale, utero in affitto, fecondazione assistita, aborto, eutanasia, eugenetica. Sono questi i falsi miti di progresso, quelli che sembrano “liberare” l’umanità che vuole trasformare i propri desideri in diritti, invece la conduce verso la negazione di sé andando all’assalto del più debole: il bambino che deve nascere o che una volta nato ha problemi, la donna nel suo ruolo materno, l’adolescente a scuola, l’anziano malato.

I seicento dell’Antonianum ieri sera si sono presi un impegno: non saranno più indifferenti. Ascoltando la simpatia di Costanza Miriano, il rigore scientifico di Marco Scicchitano, qualche parola detta da me tratta da Voglio la mamma, ci siamo presi un impegno: mai più indifferenza e rispetto alla battaglia da combattere su questo terreno essenziale, basta timidezze. Saremo scaltri, efficaci, ci faremo sentire. Lo ha detto padre Maurizio Botta, con un obiettivo preciso: prendiamoci Roma. Prendiamola come si fa come una donna amata, circondandola d’affetto, facendola sentire importante, avendo passione per ogni centimetro del suo corpo. Padre Maurizio ha quasi urlato di voler andare in periferia (“voglio andare a Centocelle”) a ripetere serate come quella di ieri. Perché sì, ora si può dire, non potranno che essercene altre di serate così. Ci prendiamo Roma.

La frase riecheggia quella scritta da De Cataldo nel suo “Romanzo criminale”, la diceva il Libanese (la figura letteraria che riecheggiava quella tutta reale di Franco Giuseppucci, il capo della banda della Magliana) all’origine dell’epopea che tanto successo ha avuto in libreria, al cinema, con la splendida serie televisiva. Noi dovremo scrivere un “romanzo seminale”. A seminal novel, dicono i critici anglofoni quando vogliono descrivere il successo dal basso, travolgente e inarrestabile anche se inizialmente non supportato da strutture e meccanismi di marketing, di una narrazione.

Il nostro romanzo seminale è nato ieri. L’ho visto nei vostri volti mentre a mezzanotte ancora mi portavate copie di Voglio la mamma da firmare (a proposito, chi cerca il libro può ordinarlo a adinolfivogliolamamma@gmail.com che è arrivata la seconda edizione). L’ho visto nel modo in cui sorridevate guardando la clip di Brian di Nazareth che ha aperto la nostra serata spiegando praticamente tutto con l’ironia geniale dei Monty Python. L’ho visto perché padre Maurizio parlava di Roma e lui non è di Roma e molti di voi che ci stavate ad ascoltare non eravate di Roma. Ma Roma è un simbolo, Roma è cuore, Roma è “capoccia di un mondo infame”.

Dio quanto è infame questo mondo che fa sì che un bambino possa essere acquistato e venduto per centomila euro, che una donna indiana o ucraina possa essere violata nell’intimità profonda della maternità per pochi spiccioli ed essere considerata solo un utero da affittare, che un anziano malato possa essere soppresso con un’iniezione di cloruro di potassio e che questa possa essergli spiegata come una pratica progressista e benefica, che il 96% dei bambini down siano abortiti e poi ci si commuova tutti ipocritamente davanti a un video che ne spiega la bellezza. Se questo mondo è così infame, c’è davvero bisogno di un romanzo seminale di speranza e lotta contro i falsi miti di progresso che se ne riprenda il cuore.

Ieri abbiamo compiuto il primo passo. Eravamo tanti, tanti, tanti. Abbiamo scoperto, ho scoperto, che non siamo soli, è stata una carezza al cuore. E hai voglia a dirci che siamo retrogradi, medievali, bigotti o pecoroni. Noi sappiamo che non è vero, siamo semplicemente dei difensori sorridenti dei più deboli, della razionalità, della intensa umanità. Saremo sempre di più. Perché abbiamo detto basta all’indifferenza e alla timidezza. È un impegno preso.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →