La Crociata è stata una guerra giusta?

1 settembre 2014 08:03 5 comments

Quanto oggi sta avvenendo in Iraq può associarsi ad una guerra santa?

Di Gelsomino Del Guercio

21 agosto 2014

aleteia.org/it

Monsignor Luigi Negri, arcivescovo di Ferrara-Comacchio, è salito agli onori delle cronache per un’esternazione che sta facendo discutere: «Noi – cristiani del Terzo millennio – alle Crociate dobbiamo molto. Dobbiamo che non si sia perduta la possibilità dei grandi pellegrinaggi in Terra Santa: nei luoghi della vita storica di Gesù Cristo e della nascita della Chiesa».

Alle Crociate, ha aggiunto monsignor Negri, «dobbiamo che si sia ritardata la fine della grande epopea della civiltà bizantina di almeno due secoli, e si sono soprattutto salvate dalla dominazione turca le regioni della nostra bella Italia, che si affacciano sul mare Adriatico, Tirreno e Ionio, falcidiate da quelle sistematiche incursioni di corsari e di turchi che hanno depauperato nei secoli le nostre popolazioni».

Crociate in risposta al jihad

Il professore Marco Meschini, storico e docente di Storia medievale, tra i massimi studiosi delle Crociate in Italia, condivide il pensiero dell’arcivescovo di Ferrara. «Le parole di monsignor Negri sono in sostanza giuste e, aggiungo volentieri, apprezzabili – ha dichiarato Meschini ad Aleteia –. Dobbiamo sempre ricordare che le crociate di Terra Santa nascono come reazione al Jihad, cioè alla guerra santa islamica. Dunque è corretto affermare che le Crociate hanno sostenuto l’Oriente cristiano, cioè Bisanzio, pur se con episodi anche gravi di incomprensione, come fu per esempio la Quarta Crociata».

Uno scudo protettivo

A parte, questo, però, dal momento che le Crociate iniziano alla fine dell’XI secolo e finiscono alla fine del XIII secolo, in questo lungo periodo hanno creato «una sorta di scudo che ha protetto l’Oriente cristiano, e per la verità anche l’Europa Occidentale. Infatti dopo la conquista islamica di Bisanzio, nel 1453, il Jihad si è esteso nuovamente verso Occidente e, per fermarlo, sono serviti molti sforzi, coronati dalla vittorie di Lepanto (1571) e di Vienna (1683)».

Le assonanze con il Califfato

Il docente è molto prudente nell’affiancare la questione irachena di questi giorni, dove i cristiani sono stati cacciati via dalle proprie abitazioni, ad una crociata. «Qualche assonanza molto relativa con l’avanzata del cosiddetto Califfato Islamico si può anche trovare – precisa il professore Meschini – ma il periodo storico e le motivazioni sono profondamente diverse».

La tentazione di espandersi

La maggiore somiglianza è forse questa: al di là delle circostanze storiche, l’autoproclamato Califfato Islamico che opera oggi in Iraq «non fa altro che ripetere il costante refrain dell’Islam: espandersi in maniera politica e militare, oltre che religiosa, a danno dei vicini non islamici». In effetti, nel momento stesso in cui esiste una realtà politico-religiosa islamica (ricordiamo che per l’Islam politica e religione sono un tutt’uno, e il Califfato è tipicamente questo tipo di realtà), «ciò che le è proprio è espandersi ai danni di chi non è (ancora) islamico. Questa è concettualmente la sua identità».

Risposte tattiche all’ISIS

In un certo senso, ragiona Meschini, «contrastare e magari anche arrestare una qualunque conformazione di questo tipo è similare a quello che hanno fatto le Crociate nel pieno Medioevo. Questa è la somiglianza, ma è anche l’unica». Invece, le dissomiglianze sono molteplici: innanzitutto, attualmente non c’è in Occidente una visione comune del mondo; al più, ci possono essere punti di contatto tra i singoli Paesi e, in questo modo, le risposte sono di natura più tattica che strategica».

Non si combatte per i cristiani

Ad esempio, Obama ha dato il via libera per i raid, «ma non mi pare che lo abbia fatto per contrastare l’espansione di un Stato islamico in quanto tale, bensì, tatticamente, per evitare che i suoi concittadini che si trovano in Iraq siano esposti a un rischio eccessivo».
Un’altra dissomiglianza è che «oggi non si combatte per riconquistare terre che erano cristiane. l’Iraq, l’Iran, ecc., non sono avvertiti – e in un certo senso non potrebbero esserlo – come territori cristiani. Invece le Crociate avevano come obiettivo proprio la riconquista della Terra Santa».

La guerra giusta

Inoltre, c’è un elemento comune tra oggi e ieri nel concetto di “guerra giusta”, come ha ricordato anche Papa Francesco: è cioè legittimo (dal punto di vista giuridico, prima, più che morale) rispondere con una forza adeguata ad una violenza di aggressione. «Ma le Crociate – puntualizza lo storico – che furono senz’altro guerre “giuste”, erano anche guerre “sante”: e quanto una guerra giusta diventa anche guerra santa allora molte cose si complicano».

Una sola eccezione in 200 anni

Per esempio, c’è stato un caso di “deviazione” dagli scopi originari nel corso della quinta Crociata (1221): «invece di “limitarsi” a riconquistare i luoghi santi, il comandante supremo dei crociati volle tentare di portare la guerra direttamente contro Bagdad, cioè contro l’Islam in quanto tale: fu un fallimento clamoroso. Ma appunto si trattò di un solo caso, del tutto isolato in circa 200 anni di storia e oltre nove grandi spedizioni di respiro europeo».

Lo stato islamico è totalitario?

Quando diciamo “guerra giusta”, conclude Meschini, «ci riferiamo anzitutto ad un concetto giuridico e non morale. Ad esempio: la Seconda guerra mondiale contro il nazifascismo è stata una guerra giusta? Sì, certamente, ma ciò non significa giustificare tutto, men che meno dal punto di vista morale. Si pensi al bombardamento di Dresda, o all’uso della bomba atomica, e così via». Il nazismo era un’ideologia «violenta e totalitaristica, e quindi andava “giustamente” fermato. Tutto sta nel come giudichiamo la realtà così come emerge dalla Storia: questo sedicente Califfato è un totalitarismo oppure no?».

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →