Antidemocrazia, quando la ragione diventa sorda

11 gennaio 2015 22:15 15 comments

Di Vittoria Todisco

11 gennaio 2015

Il Quotidiano del Molise

A tu per tu con la filosofa Ylenia Fiorenza: il fanatismo è figlio della concezione distorta che si ha di Dio.

L’intelligenza è stata donata all’uomo non solo per indagare i misteri della natura, ma soprattutto per condurre una vita sensata. La mediocrità non gli può bastare. Anzi, lo sminuisce, lo impegna in tutto ciò che è privo di slancio. In questi giorni di orrore, per la strage avvenuta a Parigi, è cosa altamente doverosa chiedersi qual è la causa scatenante di questa inciviltà inaudita che sta tenendo in pugno, sotto il giogo della paura, un mondo intero.

Ad essere colpita, lo abbiamo purtroppo visto, è stata, anche stavolta, la vita non solo quella di persone innocenti, casualmente venute a contatto con i terroristi all’interno di un piccolo supermercato, anche quella di chi fa informazione senza piegarsi alla minaccia selvaggia dell’oppressione estremista islamica.

Occorre scandagliare, però, più in profondità il discorso di assenso e dissenso che ruota attorno al concetto di “libertà”. È sotto gli occhi di tutti che, di fronte alla violenza, tutto diventa cenere. Persino la coscienza umana e le facoltà intellettuali.

Ecco perché, la filosofa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale “Joseph Ratzinger”, offre un processo di sintesi circa la “sordità della ragione”, causa principale dell’antidemocrazia, del terrorismo, partendo dal famoso discorso di Benedetto XVI, tenuto all’Università di Regensburg, il 12 settembre 2006, che ancora oggi suscita malintesi, riflessioni e domande.

Dove comincia il fanatismo religioso, cosa lo genera?

Ritengo che la matrice di ogni tipo di settarismo, di esaltazione disumana, di intolleranza, resti sempre l’idea sbagliata che si ha su Dio. E questa concezione distorta di Dio ha ripercussioni sulla società, porta cioè alla contaminazione del giudizio sull’uomo, sugli altri. Il fanatismo, infatti, non obbedisce a Dio. E’ una deformazione spirituale. Opera, al contrario, nel nome di un dio manipolato secondo le proprie limitate elaborazioni mentali e morali, dietro maschere lupine che lo vogliono poi imporre come “nemico” e cancellarlo come “Padre” del genere umano. Il fanatismo è perciò una sotto-cultura, un’antireligiosità che abusa del nome di Dio, perché serra le fonti dell’incontro, della comunione e concepisce, invece, solo chiusure e contrapposizioni. Non è altro che la rete dell’esclusione, dove si marcia armati su strade di morte.

L’uomo è responsabile della propria libertà, dell’uso che fa di essa. Cosa gli attesta la sua capacità di riconoscersi creato libero?

Un proverbio tedesco dice che “Die Nacht ist keines Menschen Freund”, tradotto significa che “la notte non è amica dell’uomo”. La vera vita, credo che inizi quando ci esponiamo alla luce, quando pieghiamo le ginocchia davanti all’altare della libertà per servirla e non per servircene per toglierla drammaticamente agli altri. Usare la libertà per ucciderla è pura follia. E’ la notte che fugge dinnanzi alla vita, all’opportunità di essere rischiarata. Nell’arte e nell’iconografia la libertà viene sempre raffigurata a braccia aperte perché è espressione di accoglienza, di apertura, di disarmo, è via di passaggio per diffondere liberazione. E’ la prerogativa per il bene e non per maledire. La libertà è l’anelito, la grande orientazione che conserva calda la memoria della meta da essa tracciata nel cuore degli uomini che la difendono mentre la diffondono. Dio non ha rivelato solo qualcosa di sé. Bensì tutto se stesso. E il vertice di questa rivelazione, come ha scritto Ratzinger, è che “Dio ha mostrato all’uomo come essere e rimanere libero”.

Cosa intende ancora dire oggi al mondo estremista la lezione di Ratisbona di Benedetto XVI del 2006?

Con la ragione possiamo conquistare nuovi mondi del sapere. Ma non solo. Benedetto XVI ha sempre ribadito che la nostra ragione ha una dignità tale da aprirsi alla conoscenza di Dio e su Dio. La fede ricorre alla ragione per far capire cose impenetrabili. La ragione, però, se non si lascia soccorrere da questa forza, resta cieca, sorda, incatenata. Non basta aprirsi ad essa. E’ necessario fare un ulteriore passo in avanti: aprirsi con la ragione. L’affermazione chiave di quel discorso pronunciato da Ratzinger è che “non ha senso professare una fede sotto la minaccia della violenza”, proprio perché “non agire secondo ragione è contrario alla natura di Dio”. Quando la ragione diviene una frontiera colonizzata dall’odio e dall’ignoranza, è allora che si diviene alleati del male, rifiutando così Dio, che non può non essere buono e compassionevole con le creature che Egli ha creato tutte per sé, dentro il Suo Amore.

Si potrà mai sconfiggere il male e mettere fine alle persecuzioni?

Si, ma soltanto se scrolliamo dal nostro mondo interiore, e intendo quello dei sentimenti, dei pensieri, delle attese, tutto ciò che ci opprime. Se liberiamo l’anima dagli idoli. Se la smettiamo di voler essere Dio e di collocarci sempre al di sopra degli altri. Per tornare ad essere più umani, per superare i radicalismi spietati, dobbiamo per forza ritrovare le nostre radici divine. Se un solo fiammifero può incendiare una catasta di legna, anche una sola speranza, posta nell’abisso della storia presente, allora potrà accendere la vittoria dell’amore sul male. Ratzinger ci riporta al fondamento quando dice che “solo quando si è amati, si è redenti”. La via per giungere a se stessi, per estinguere l’oscurità della violenza, gira intorno al mondo “illuminato” dalla ragione che ama. Solo essa potrà ristabilire l’armonia originale tra i popoli e tra gli uomini e Dio.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →