Una stralunata Rettore

6 settembre 2015 11:51 9 comments

Di Fabio Trevisan

5 agosto 2015

vitanuovatrieste.it

“Sono splendido splendente, io mi amo finalmente, ho una pelle trasparente come un uovo di serpente”.

Con questo brano: “Splendido splendente” del 1979, Donatella Rettore anticipava drammaticamente l’ideologia gender stracolma di egoismo e di presunte illusorie libertà: “Come sono si vedrà, uomo o donna senza età, senza sesso crescerà, per la vita una splendente vanità”.

La cantante nativa di Castelfranco Veneto, figlia di Teresita Pisani, nobildonna ed attrice goldoniana, manifestava tutta la sua ribellione e depravazione con l’allusiva canzone : “Il Kobra”, classificatasi addirittura seconda al Festivalbar del 1980: “Il kobra non è un serpente ma un pensiero frequente che diventa indecente quando vedo te…”.

La Rettore, così come voleva essere chiamata quasi a nascondere un nome che potesse rivelarne una precisa identità: “Non capisco perché tutti quanti continuano a chiamarmi Donatella”, ha rappresentato la sfrenatezza dei sensi e l’istinto animalesco fino ad un emotivismo incontrollato che ha dilaniato ogni barlume di ragionevolezza. Come si evince dal titolo e dai testi di alcune sue emblematiche canzoni, come: “Leonessa” e “Gattivissima”, i temi della mancanza di virtù e del lasciarsi andare istintivo hanno il sopravvento: “Mi stiro le membra con golosità, io la tua leonessa in cattività…” e ancora: “Gatta gattivissima sarò, tra un po’ faremo festa, c’è un gatto che mi va…”.

Non sorprende quindi che la Rettore abbia interpretato, direi quasi diabolicamente, la sfrontatezza della rivoluzione sessuale fino allo spasimo, inneggiando al suicidio, come in Giulietta del 1982: “E ci si può ammazzare specialmente per amore…”. Cantando si impara, con Donatella Rettore, che se non si pone un freno all’estasi di un sentimento si arriva al pervertimento della ragione ed allo sfigura mento della persona stessa; in una parola, come nel titolo di un’altra sua canzone: “Delirio” si approda all’inferno dei sensi: “Dipinta d’argento e di grandi passioni, scavo nei pensieri e mi ritrovo tentazioni e lamenti e respiri freddi…”.

Una stralunata Rettore non poteva non emergere in tutta la sua anarchica repulsione per ogni orizzonte ordinato, come nel pezzo omonimo: “Senza meta, chi lo sa se l’ho mai avuta… Ho cambiato troppe strade, troppi amori e poca fede, troppa vita che non so dov’è finita…”.

Il suo non serviam quasi luciferino è ribadito sin dal titolo di un altro suo brano: “Presto che è tardi”, che contrasta il rasserenante e cristiano motto: “Non è mai troppo tardi”. Nel testo di questa sua canzone sta tutto lo stolido ed avvilente carpe diem: “Oggi è già domani, quello che ti perdi non sai. Non ti voltare indietro…”.

Anche nel brano: “Amore stella” presentato al Festival di Sanremo del 1986, la Rettore non fa che sprofondare e cercare di trascinare con sé verso il basso in un ipotetico ed avventuroso viaggio estremo: “Da te mi lascerei bruciare e giù all’inferno e anche più giù, se proprio in fondo fossi tu…Amore stella che non ho, dove ti ho perso, in che universo?”. Già nel 1977, sempre al Festival di Sanremo, provocatoriamente, cantando: “Carmela” lanciava caramelle al pubblico.

Un’altra sua canzone: “Stregoneria” alludeva ad ali di velo, sangue del cielo, stregoneria, dolce mania…. Nell’emblematica Estasi, la Rettore così la definiva: “Estasi è volare, è buttarsi e cadere senza neanche sentire il rumore…”. Ripensando alle sue sensazionali copertine dei dischi ed agli stupefacenti e stordenti titoli dei suoi album: “Brivido divino”, “Magnifico delirio”, “Estate clamorosa” emerge ancor più il ritratto di una cantante sensuale e folle, come traspare dall’altra sua canzone: “Di notte specialmente”, presentata al Festival di Sanremo del 1994: “Le avventure avute facilmente sono acqua che mi sfiora leggermente… La voglia è conturbante, i sensi sono tesi strenuamente…”.

Cantando si impara che, a giocare con l’ironia, ci si può fare davvero male. Troppo egoismo, troppo ricercato piacere, troppa sensualità possono essere fatali: “Come sono affascinante, faccio cerchi con la mente, mi distinguo tra la gente”. Nemmeno finché si è giovani (parafrasando il titolo di un’altra sua canzone) è possibile combinare un tale scempio.

Di splendido splendente non rimane proprio nulla e solo l’oblio può sanare un successo senza valori: “Mi hanno svuotato, buttato in un cestino, vivevo per le maschere e mi han chiamato burattino”.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →