La guerra dei ponti (e dei muri)

27 settembre 2015 08:50 0 comments

Di Emiliano Fumaneri

20 settembre 2015

lefoglieverdi.wordpress.com

Ultimamente c’è un gran dibattere attorno a due metafore contrapposte: il ponte (che simboleggia apertura e inclusività) contro il muro (che al contrario evoca chiusura e esclusività). E di conseguenza si sono creati due fronti: il fronte del «sì» e quello del «no». Si arriva anche al paradosso che il fronte del «sì» arrivi a innalzare muri carichi di gelido disprezzo a riguardo dei partigiani del «no», che dal canto loro non spiccano per comprensione delle ragioni altrui.

In realtà, se consideriamo la semplice esperienza umana dobbiamo subito prendere atto di un fatto: che ogni attività dell’uomo comprende sempre una qualche mescolanza di «sì» e di «no». L’evidenza mi dice che anche se voglio costruire un ponte devo saper dire dei «no» – cioè alzare un muro metaforico – a chi volesse impiegare nella sua costruzione del materiale scadente, risparmiando così economicamente al prezzo però di mettere a rischio l’incolumità dei viaggiatori.

Non c’è «sì» senza «no», né ponti senza muri. Un mondo senza ponti sarebbe inumano, ma un mondo senza muri sarebbe irrealistico.

Come ha scritto Chesterton, la carità non può accogliere ogni dimensione autenticamente umana se non accetta anche lo spirito combattivo. Per questo c’è un grande vuoto in quasi tutti gli schemi del pacifismo, c’è qualcosa di superficiale in tutti i progetti di riconciliazione e accoglienza universale. Bisogna considerare essenziale e inerente all’idea di carità, diceva il grande apologista londinese, anche la capacità di sdegno e di indignazione, «altrimenti la carità non sarà qualcosa di completamente umano, e quindi di non completamente divino».

Detto questo, si trarrebbe forse maggior profitto dall’introduzione di una terza e di una quarta metafora: quella della frontiera e del confine.

Nel suo Elogio delle frontiere, Régis Debray ha mostrato come frontiera e confine non siano affatto assimilabili al muro, costruzione che impedisce ogni sorta di comunicazione.

L’esclusione è connaturata al muro, non alla frontiera e alla cinta. Ed è proprio la lotta senza quartiere condotta nel nostro mondo all’idea stessa di frontiera ad aver provocato un’epidemia di muri.

La rivelazione cristiana ha fatto qualcosa di diverso dal semplice abbattere quel muro che era il sacro precristiano. Ha aperto una frontiera interiore. Da allora esistono almeno due frontiere: una frontiera visibile e una invisibile della Chiesa. E può benissimo darsi che queste due frontiere non coincidano. Può esserci chi appartiene al corpo visibile della Chiesa ma non alla sua anima invisibile. E viceversa. Se così non fosse la Chiesa sarebbe semplicemente sinonimo di “partito cattolico” e la semplice appartenenza all’organismo ecclesiale basterebbe garantire l’assoluta rettitudine dei suoi membri, con tutto quel che questo comporta (paranoia, sindrome di accerchiamento, manicheismo, dualismo morale, ecc.)

Ma cos’è la frontiera? Cos’è il confine? Non sono forse sinonimi?

A dire il vero esiste una sottile distinzione semantica tra frontiera e confine. Sebbene i due concetti siano legati da un rapporto di stretta prossimità, confine e frontiera non coincidono perfettamente.
Il confine indica un limite comune, condiviso, una separazione tra spazi contigui. Legato fortemente alla terra, il confine è il segno del solco che delimita lo spazio dell’ordine interno, liberato dal caos che occupa lo spazio esterno. È anche il modo di stabilire per via pacifica la proprietà sopra un territorio conteso.

La frontiera invece indica la fine, il limite ultimo della terra. Rappresenta l’ultimo avamposto di fronte al caos. Varcare la frontiera significa inoltrarsi in territori invisi agli dèi, equivale a oltrepassare i limiti del giusto e del consentito. Oltre la frontiera stanno le terre del mostruoso, i campi del caotico e dell’indeterminato.

Frontiera e confine sono quindi accomunati per natura (di limite) e funzione (di contrasto al caos). Rispetto al confine la frontiera segna però una demarcazione meno netta. Più che una linea impermeabile, la frontiera è una fascia che rende possibili l’interscambio e la comunicazione.

Il confine è segno di separazione che stabilisce un punto fermo di partenza e riferimento: è rifugio, riparo interiore.

La frontiera è luogo di distinzione che rende possibile anche l’incontro. Perde in identità quel che guadagna in libertà.
Anche in questo caso, non esiste incontro senza un qualche punto fermo di partenza. Né d’altra parte si può pensare che sia sano arrestare ogni possibilità di movimento.

Occorre alzare la testa, senza perdersi nei rivoli infiniti di uno sterile polemismo. Duc in altum. «A cosa serve, in definitiva, la frontiera?», si chiede Debray. «A fare corpo. E così ad alzare la testa. Il recinto esalta il rampicante e ci copre d’invisibile. Ogni luogo chiuso è un “dispositivo che ci induce a salire”».

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →