Manuale di Sopravvivenza al tempo del gender 5/8

3 gennaio 2016 05:59 8 comments

Share this Article

Author:

redazione

Tags:

Di Assuntina Morresi

AGOSTO 2015

loccidentale.it

QUINTO CAPITOLO – Come difenderci: primo, individuare l’obiettivo

“Come fermare tutto questo? Cosa possiamo fare?” è la domanda che, alla fine di ogni incontro su questi temi mi sento rivolgere. Innanzitutto con realismo e un minimo di consapevolezza politica, per non farsi prendere in giro. E mi spiego.

Riguardo alla “teoria gender” nelle scuole, va chiarita una questione essenziale: NON la si può fermare con una legge ad hoc, che magari dica esplicitamente “stop al gender”; così come queste ideologie non entrano con una legge ad hoc che dica esplicitamente “il gender entra nei programmi scolastici”. Questo a scanso di equivoci, e soprattutto di illusioni e di obiettivi sbagliati. In questo ambito più che in altri, sbagliare gli obiettivi da perseguire, le richieste da fare ai politici, porta alla sconfitta.

Ci spieghiamo meglio con qualche esempio. I famosi libretti UNAR non sono entrati grazie a una legge, ma a un accordo fra paesi europei, sancito dal governo Monti (ministro Fornero) a seguito di una raccomandazione dei ministri del Consiglio d’Europa, raccomandazione che tra l’altro non era nemmeno vincolante. Allo stesso modo sarebbero potuti entrare nell’ambito di un progetto europeo a contrasto della violenza, o anche attraverso progetti regionali, comunali, di reti di scuole, di città, di organizzazioni non governative, a celebrazione di giornate nazionali stabilite per legge (per esempio quella mondiale contro l’omofobia), per attuare risoluzioni del Parlamento europeo (ce ne sono parecchie su queste tematiche), risoluzioni ONU, indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, adozione di pareri dell’UNESCO, e potremmo continuare per un bel pezzo.

È sufficiente che uno di questi mille canali adotti la generica espressione “contro ogni discriminazione”, oppure “accoglienza al diverso” e automaticamente sesso, genere e orientamento sessuale potrebbero essere compresi nella realizzazione dei progetti – non è detto che lo siano – se c’è una volontà in questo senso del soggetto attuatore.

Questo tipo di argomenti entra perché sono il tema del momento, perché si tratta di fenomeni che stanno avvenendo adesso in tutto il mondo occidentale secolarizzato (per non dire post–cristiano), perché c’è una rivoluzione biotecnologica e antropologica in corso che sta arrivando anche da noi, e adesso ce ne stiamo accorgendo pure in Italia.

La legge 40 sulla procreazione assistita è stata un argine essenziale a tutto questo perché era costruita solo sulla fecondazione omologa, cioè all’interno di una coppia uomo–donna, e quindi non portava nuovi paradigmi con sé, ma restava nell’alveo della filiazione naturale. Il perno della legge era costituito proprio dal divieto di eterologa: in questo modo si spostava in laboratorio il concepimento – e in questo la legge non era certo ispirata alla dottrina cattolica, ma ripeto che stiamo parlando non di valori cristiani ma di mutamenti antropologici – ma si lasciava la regolazione della filiazione inalterata, come quando avviene con il concepimento naturale. Con la 40 può accedere alla procreazione assistita una coppia uomo–donna, sposata o convivente, entrambi viventi, in età potenzialmente fertile, e l’accesso era previsto solo per coppie sterili o infertili, coppie che non possono avere un bambino. La fecondazione assistita con la legge 40 non era pensata come una libera scelta fra concepimento naturale e assistito, ma come un percorso che deve rispondere a criteri di appropriatezza medica. Una legge laicissima e ragionevole che è stata fin dall’inizio criminalizzata, non dai cittadini (che, se avessero voluto abolirla, avrebbero potuto farlo con il voto referendario) ma dalle potenti lobby che avevano interessi economici nel settore.

L’ingresso della fecondazione eterologa nel nostro paese ha spalancato le porte alla rivoluzione antropologica, perché introduce nuovi paradigmi che sono destinati a trasformare le relazioni fondanti della comunità umana. In primo luogo le relazioni genitoriali: il figlio è di chi lo desidera e non di chi lo genera, e quindi è indipendente dalla differenza sessuale, creando nuove forme di genitorialità “gender neutral”. Non solo: chi finora si è opposto alla legge 40 e ha lavorato per abbatterla a colpi di sentenze – vedi i radicali – ha già dichiarato che i prossimi passi saranno quelli di ottenere l’accesso alla procreazione assistita per single e coppie omosessuali. È la logica conseguenza del cambio di paradigma di cui dicevamo: se i figli sono di chi li desidera, è ovvio che anche singole persone o coppie dello stesso sesso, se lo desiderano, debbano avere l’accesso ai percorsi che consentono di avere un figlio, che diventa un “diritto ”, come ha stabilito del resto la nostra Corte costituzionale proprio con la sentenza sulla fecondazione eterologa.

Ed è logico che questa nuova opportunità (l’eterologa per le coppie gay) è connessa strettamente all’eventuale approvazione di una legge come quella Cirinnà, che introduce unioni civili in forma simil matrimoniale. L’eterologa è il presupposto del matrimonio omosessuale, che rimarrebbe un percorso incompiuto senza la possibilità di filiazione: negli altri paesi tutto questo è arrivato prima che da noi perché non hanno avuto la legge 40 che bloccava il percorso.

Trattare tutto questo da valore morale, o da valore cristiano, è, onestamente, miope e riduttivo.

Ma non solo. L’epilogo della vicenda del libro della Mazzucco, “Sei come sei” insegna un’altra cosa. Anche in quel caso la lettura del libro non è dipesa da una legge, ma da un clima culturale, e dal fatto che a scuola c’è la libertà di insegnamento. Melania Mazzucco è vincitrice, fra l’altro, del prestigioso Premio Strega: come si può impedire che un’insegnante di italiano faccia leggere l’opera più recente di un’autrice contemporanea che ha avuto importanti riconoscimenti pubblici? Il ricorso infatti è stato perso, e questo fatto costituisce un precedente pesante, e la dimostrazione che non potremo mai con una legge bloccare una lettura che rientra nella libertà di scelta dell’insegnante, libertà che può essere limitata solo da leggi non democratiche, tipiche dei regimi totalitari. Non potremo mai stabilire dal di fuori della scuola letture curricolari, o porre dei veti. La libertà di insegnamento – sacrosanta – si può equilibrare solo con la libertà di educazione da parte della famiglia – altrettanto sacrosanta.

Altro esempio. Ad una scuola elementare di cui conosco il direttore, la regione ha regalato una cinquantina di libri per la biblioteca della scuola. Fra questi, almeno tre presentavano famiglie con “due papà” o “due mamme”. Quale legge potrebbe impedire che questo accada? Anche chi, da presidente di regione, ci ha provato, ha dovuto calibrare l’intervento limitandolo alla verifica dell’appropriatezza dei libri in relazione all’età dello studente.

Per non parlare dei libri di testo. Quando andavo a scuola il libro di storia più diffuso era il Camera Fabietti, che aveva stile e contenuti sovietici, letteralmente. Ricordo che sulle violenze seguite alla rivoluzione bolscevica commentava qualcosa tipo: le rivoluzioni non si fanno con i guanti di velluto. Non c’era nessuna legge che imponesse il Camera Fabietti, semplicemente in quel momento quello era l’orientamento ideologico dominante, e quelli quindi erano i libri più usati. I libri di testo non sono mai neutri, rispecchiano sempre l’orientamento culturale di chi li scrive, che in base ai propri convincimenti interpreta opere letterarie, fatti e avvenimenti.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →