Vendola: devo tutto a don Tonino Bello. Diventammo inseparabili.

3 marzo 2016 08:52 1 comment

Di Bepi Martellotta

18 aprile 2013

lagazzettadelmezzogiorno.it

«La sua santità non è stata un codice magico, un’aureola o una nuvoletta: è stato lo sguardo dell’Angelo e un’ala di riserva, con cui ha spiegato a tutti la sua scelta più bella e sofferta, quella di pregare e operare tra gli uomini». Per Nichi Vendola quei 10 anni di sodalizio con Don Tonino Bello, dall’approdo al vescovato di Molfetta fino alla scomparsa, il 20 aprile del 1993, sono difficili da raccontare. Anni di battaglie comuni, lui giovane militante del Pci ad un passo dalla «scalata» in Parlamento, l’altro – il «prete Bello», l’uomo della Pax Christi – a lottare per una Chiesa diversa, più lontana dalla borghesia cattolica e più vicina alla carità.

Spesso tradito dalla commozione, il presidente della Puglia prova a raccontare chi era il «suo» don Tonino.

Cominciamo dall’inizio: quando e come vi siete conosciuti?

Lo conobbi subito, nel primo incontro che tenne a Terlizzi nell’auditorium di monsignor Garzia, nel settembre dell’82. Papa Woytila aveva messo ai margini la teologia della liberazione e quelli come me erano fortemente polemici: vedevano una Chiesa trionfante in «technicolor» che, sotto gli abiti talari e dietro le quinte delle sacre rappresentazioni, si dedicava a maneggi di ogni genere col potere. Malata di temporalismo, la Chiesa era piena di trafficanti e indulgenti: c’era già tutto quello che poi ha portato, in epoca più recente col pontificato di Ratzinger, all’esplosione degli scandali. Non lo ascoltavo con simpatia quel prete così suadente, progressista, affascinante. Polemizzai con lui, lo provocai. Ebbe un modo disarmante di rispondermi: mi sorrise e mi disse «vediamoci, incontriamoci». Io che avevo provato a spiazzarlo, rimasi spiazzato.

Nacque l’amicizia.

Sì, ero adirato con la Chiesa, e lui cominciò a farmi leggere i suoi editoriali su «Luce e Vita»: divenne una malattia per tutti, fummo contagiati dai suoi articoli. La bellezza e la scandalosità delle sue parole rispetto al perbenismo piccolo-borghese che impacchettava la vita del Clero in un cattolicesimo pacificato, pronto a fare sconti soprattutto ai potenti, fu un’illuminazione. Don Tonino parlava di disoccupati e carcerati, ci educò al pensiero critico, ci insegnò non a consolare gli afflitti, ma ad affliggere i consolati. Ci spiegò che i poveri non vanno aiutati con l’ottica neo-coloniale e che bisogna dividere con loro non solo il pane. Ecco, quei «terminali muti» della carità dei ricchi, furono la costruzione più farisaica che don Tonino provò a smobilitare.

Vi incontravate spesso?

Avevamo colloqui privati frequenti e intensissimi nell’episcopio a Molfetta. Lui seduto su un banchetto umile e l’ospite su una specie di trono. Quando mi guardava avevo sempre la percezione di interagire con un uomo che non aveva retro-ensieri: ti accoglieva sempre per quello che sei, non aveva mai intenzione di reclutarti, ma di capire. Perché amare è innanzitutto capire. Per don Tonino convertire non è colonizzare, non è ridurre l’altrui diversità alla propria cifra, ma è crescere insieme. Lui cercava lo spazio perché potessero pregare coloro che credono in un dio diverso, lui si faceva pellegrino nel cuore della notte alla ricerca del volto di Dio in quello di un barbone o di un immigrato smarrito nei labirinti della clandestinità. Don Tonino lo ricordo per strada, a celebrare lì l’eucarestia viva, che è comunione tra cielo e terra, benedetta dalla «aristocrazia degli ultimi». La sua missione era una vera inversione semantica: una croce di spine è una corona da re.

Che anni erano, quelli?

Eravamo in una fase di passaggio: l’Italia smetteva di essere Paese da cui partono i migranti e diventava Paese in cui arrivano i migranti. Questo percorso di educazione all’accoglienza, di intransigenza con la xenofobia, lo accompagnò nei giorni dello sbarco della «Vlora», i giorni in cui si mescolarono la generosità dei pugliesi e l’ignavia dello Stato, che si ritraeva dai propri doveri di solidarietà. Era lo stesso spirito che lo guidava per strada, a intrattenersi con ragazzi paraplegici o non vedenti, negli scantinati e nelle case: era un uomo che abbatteva tutte le barriere, era capace di abbracciare chiunque senza un codice preventivo. Lui andava incontro, traduceva l’approssimazione nel suo doppio significato: farsi prossimo, avvicinarsi, e nello stesso tempo sapere di sè che si è portatori di un pezzo di verità, perché la verità c’è solo nella relazione, nell’abbraccio con l’altro.

Ma che ci faceva un giovane comunista con un vescovo, per quanto «diverso» dagli altri, in quegli anni?

Intanto, era sempre curioso. Mi chiedeva notizie sulle posizioni del Pci nella corsa al riarmo di quegli anni. E mentre parlavo, lui mi ascoltava, ma si guardava sempre attorno perché cercava un dono. Era difficile andarsene via a mani vuote da un colloquio con lui, perché ti considerava un dono. Il suo punto di riferimento era Isaia, il profeta della conversione della società, colui che aveva delineato l’immagine di una società in cui non si producono strumenti di morte ma di lavoro, in cui gli individui non si esercitano alla violenza. «Nessun uomo leverà le armi contro un altro uomo»: era lì che Isaia avviava una riflessione tutta teologica ma assolutamente immersa nell’arena della Storia. Ed era lì, in quel punto, che due storie di vita apparentemente lontane come le nostre non potevano che essere unite.

[...]

Sono trascorsi vent’anni dalla sua morte: le manca?

Per molti anni ho vissuto la sua morte come un abbandono. E questi ultimi sono stati quasi di disincanto, di gelo. Quante volte ho chiesto «don Tonino, dove sei?». Ogni vicenda la leggo sempre pensando cosa avrebbe detto lui: il suo punto di vista è sempre stato una bussola per me. Proprio in questi giorni di buio e smarrimento, torna ad accarezzarci i cuori e a farci tornare la voglia di sperare. Niente di più bello è la preghiera in cui dice: «dicono che gli uomini sono angeli con un’ala soltanto, devono abbracciarsi per poter volare». Questo è don Tonino.

 

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →