“L’Isis? Potrebbe essere spazzato via. Ma a molti non conviene”

26 marzo 2016 18:15 0 comments

Share this Article

Author:

redazione

Tags:

Di Federico Cenci

25 marzo 2016

zenit.org

Mentre l’opinione pubblica mondiale fa fatica ad elaborare il trauma seguito ai due attentati di Bruxelles, si rincorrono notizie sulla fuga degli attentatori rimasti in vita e si compie un vero e proprio stillicidio di analisi.

Sono in tanti coloro che, forse avvalendosi del senno di poi, pronunciano giudizi sfavorevoli sull’operato delle intelligence e delle polizie europee. Dinanzi ai corpi esanimi di oltre 30 civili, ennesime vittime del terrorismo penetrato nel cuore del Vecchio Continente, ci si interroga sui presunti errori commessi da chi dovrebbe tutelare la nostra sicurezza.
ZENIT ne ha parlato con il generale Mario Mori. Ufficiale del Sid durante i difficili anni di piombo, tra i fondatori e già comandante del Ros nonché ex direttore del Sisde, Mori ha recentemente pubblicato Servizi e segreti. Introduzione allo studio dell’intelligence (ed. G-Risk, 2016), che traccia la storia dell’intelligence italiana.

***

Generale, nell’arco di quattro mesi il terrorismo ha compiuto due stragi nel cuore d’Europa, prima a Parigi e ora a Bruxelles. È il fallimento della cooperazione tra i servizi segreti europei?

Non ritengo che un’affermazione simile sia totalmente accettabile. La cooperazione tra i Servizi esiste da sempre in specie per una materie come la lotta al terrorismo che a priori trova concordi molti Stati. Il problema vero in materia è dato dal fatto che le capacità di penetrazione informativa nel mondo del terrorismo islamico sono ridotte in specie per noi occidentali condizionati dalla lingua e da una cultura non facile da comprendere. A ciò si aggiunga che, colpevolmente, solo da poco il mondo musulmano è divenuto uno degli obiettivi prioritari delle varie Agenzie d’intelligence e i ritardi in materia sono recuperabili con fatica e a prezzo di conseguenze anche molto negative come i recenti avvenimenti dimostrano.

Come è stato possibile che Salah Abdeslam, il ricercato numero uno dopo gli attentati di Parigi, sia riuscito a riparare per mesi nel quartiere di Moleenbek, a Bruxelles, proprio lì dove è cresciuto e ha alimentato i suoi progetti terroristici? Esistono ormai anche in Europa delle roccaforti jihadiste impenetrabili?

La risposta in questo caso mi pare molto semplice: Moleenbek era l’unico luogo in Europa conosciuto da Salah dove egli vantava appoggi sicuri e tali da ritenere di potere riuscire a sottrarsi alle ricerche. Questo perché in alcune nazioni europee (Francia, Belgio, ma anche Olanda e Regno Unito) esistono in alcune aree urbane delle vere e proprie enclaves dove più che la legge dello Stato ospitante vige l’applicazione quasi totale della sharia.

E in Italia? L’esperienza maturata dalla nostra intelligence negli anni di piombo offre una maggiore sicurezza?

C’è da fare una distinzione: se si intendono le Forze di Polizia sono certo di potere sostenere che abbiamo degli organismi investigativi senz’altro all’avanguardia in Europa. Per quanto riguarda invece le agenzie d’intelligence è indubbio che esse risentono di anni di disattenzione da parte del mondo politico che non si è interessato al loro sviluppo sia sul piano tecnico che operativo. Ciò comporta un ritardo che pone i nostri Servizi in qualche difficoltà ed il recupero non è certamente facile.

È utile intensificare i bombardamenti in Medio Oriente, nei territori occupati dall’Isis?

I bombardamenti possono provocare difficoltà alle formazioni terroristiche quali Daesh e Al Qaeda, ma per arrivare a risultati definitivi occorre l’impiego di truppe di terra e quanto prima ciò avverrà tanto prima il problema sarà risolto.

A proposito dell’Isis, di recente Lei ha affermato che “forse conviene a molti tenerlo in piedi”. La comunità internazionale avrebbe dunque gli strumenti per eliminare questa organizzazione rapidamente? A chi giova non farlo?

Le capacità militari delle maggiori potenze mondiali sono tali che un impegno serio sul terreno spazzerebbe via le truppe raccogliticce del sedicente Califfato in poco più di tre o quattro mesi. Truppe che, invece, ricavano indispensabile capacità operativa dal sostegno che da molte parti del mondo arabo, e non solo, loro giungono. Questo perché molti Paesi, per ragioni politiche, economiche o religiose sfruttano certi teatri operativi per guadagnare posizioni di vantaggio con gli Stati loro competitori. Un esempio valga per tutti: il confronto tra la sunnita Arabia Saudita e lo sciita Iran che coinvolge tutta l’area del Medio Oriente.

Tornando all’Italia. Quanto è alto il livello di rischio per il nostro Paese durante il Giubileo?

Il rischio di un attentato che coinvolga l’Italia naturalmente esiste, ma direi che è relativamente molto più basso rispetto ad altri Paesi europei quali Francia, Belgio e Regno Unito dove la presenza ormai consolidata di cittadini con origini e cultura mussulmana è molto più consistente ed antica rispetto a quella che si verifica nel nostro territorio. Il Vaticano appare più un obiettivo di rilevante pregio propagandistico che di reale consistenza operativa.

Possibile che in nome della sicurezza si debbano sacrificare alcune libertà individuali?

Direi che tale pericolo in Italia è da escludere. Così come abbiamo fatto con il terrorismo e la criminalità organizzata di tipo mafioso, siamo in grado di contrastare anche il terrorismo islamico con mezzi giuridici che rispettino le nostre ormai consolidate conquiste democratiche.

:

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →