La rinascita di Damasco: “Europa non ci hai difeso”

4 aprile 2016 09:08 4 comments

Di Giordano Stabile – Inviato a Damasco

4 aprile 2016

lastampa.it

«Se è arrivata la tua ora, muori pure se te ne stai chiuso in casa tutto il giorno. Tanto vale uscire e vivere, anche fra bombe e kamikaze». Looman Rustom è un web designer che si barcamena fra mille lavori. Ha 32 anni e non ha mai lasciato Damasco. Incarna lo spirito della città. Imprenditoriale. Che si arrangia. Che ama godersi la vita il più possibile. Quattro anni di guerra, di assedio, sono stati cancellati di colpo.

La tregua dura da un mese. Le strade sono ingolfate di traffico nelle sere del weekend, che comincia il giovedì sera. Nei quartieri dei locali, come Al-Lawan, è difficile trovare posto al ristorante. Il suq ottomano di Al-Hamidiya è un fiume in piena nelle ore di punta. Le fontane del sobborgo dei Mouhajarin, abitato dall’alta borghesia e dove c’è la villa di Bashar al-Assad, sono illuminate. Al mattino, nei caffè di Al-Nawafara moltissime ragazze che bigiano la scuola, con abbigliamenti che vanno dai veli neri alle scollature sfrontate.

I colpi di mortaio dal quartiere orientale di Jobar, a meno di un chilometro dalle mura che delimitano la città storica, sono caduti fino a poche settimane fa a Bab Touma, in pieno centro. Un proiettile è caduto persino sulla cupola della Moschea degli Ommayyadi, dell’VIII secolo, forse la più bella al mondo, dove c’è il cenotafio di San Giovanni Battista, il minareto detto di Gesù, e reliquie di Hussein venerate dagli sciiti. I segni dei combattimenti sono stati cancellati.

La strategia Assad-Putin ha spezzato l’assedio prima a livello militare. La Grande Damasco contava prima della guerra cinque milioni di abitanti: la fascia di banlieue in mano ai ribelli, che andava da Al-Moadamiyeh alla piana di Ghouta, è stata spezzata in tante sacche isolate. Poi la tregua ha completato l’opera perché ha diviso gli insorti fra quelli inclusi e quelli no, cioè i terroristi di Al-Nusra e Isis. Per la prima volta dopo quattro anni si può percorrere l’autostrada Damasco-Homs anche di notte. Solo una lunga deviazione evita il sobborgo di Douma, da dove i cecchini sparano ancora.

Le elezioni

Ora siamo alla fase politica. Il raiss deve riconquistare il «bazar», la borghesia commerciante sunnita. Che ha voglia di tornare al business. Al centro del suq, nella gelateria più famosa del mondo arabo, Bakdash, il patron Mouafad, 76 anni, un haji, cioè vecchio saggio che ha fatto il pellegrinaggio, riassume così la situazione: «Abbiamo resistito da soli contro 80 nazioni. Finché il terrorismo è arrivato anche in Europa e allora vi siete svegliati. La tregua è la nostra vittoria. Ora la Siria risorgerà da sola. Perché i siriani sono unici, creano ricchezza dal nulla».

Le elezioni fra dieci giorni dovranno dare un sigillo a una nuova intesa fra borghesia sunnita e l’amministrazione politico-militare dominata dagli alawiti. L’opposizione politica «interna», accettata dal regime, è poco più che una formalità, con 5 seggi sui 250 del Parlamento attuale. Questa volta però ci sono molti candidati indipendenti e i manifesti, in piccolo formato per non disturbare le gigantografie di Assad, tappezzano le strade e le vetrine dei negozi. Fra i partiti fuori dal blocco guidato dal Baath, al potere da mezzo secolo, si prevede un buon risultato per il Pyd curdo e il nasseriano Unione araba di Hassan Abdul Hazim.

I cristiani

La comunità cristiana è invece da tempo tornata fra le braccia del raiss. Nel quartiere di Bah al-Sharqui, lungo la Via Recta percorsa da San Paolo, ci sono tutte le confessioni del mondo, dai maroniti agli armeni, dai cattolici francescani ai greco ortodossi. I cristiani di Damasco sono i più arrabbiati con l’Europa. Si sentono traditi. «Prima avete appoggiato i ribelli islamisti, ora accogliete più volentieri i profughi musulmani che quelli cristiani» accusa il monaco Mousa Houri, uno dei consiglieri del Patriarca Ignatius. «Ma noi cristiani di Damasco non scapperemo mai – conclude lisciando la barba nel suo ufficio alla Cattedrale Mariamita – questa è la nostra terra, non ne abbiamo altra». Il terrore islamista contro i cristiani, con decine di chiese distrutte in tutta la Siria, ha compattato le diverse comunità.

Gli ortodossi, compreso Mousa Houri, amano Papa Francesco e apprezzano il fatto che il nunzio cattolico, monsignor Pier Mario Zenari, non abbia mai lasciato Damasco, neppure quando i razzi colpivano i quartieri centrali.

Come ad Al-Lawan, nella zona sudoccidentale, dove nell’autunno del 2012, si è combattuta una battaglia, con blindati e carri armati. Al check-point di accesso al viale che sale verso la zona dei locali i soldati, giovanissimi, hanno l’aria rilassata. Alcuni «non vanno a casa da tre anni» e, con la tregua che regge, sentono aria di licenza. I parcheggiatori dei ristoranti si scaldano ai fornelletti elettrici nell’aria fredda della sera. I prezzi sono un terzo di quelli di Beirut, ma anche gli stipendi medi, 150 dollari la mese.

I militari di leva ne prendono 30. Il rancio è quello dei contadini poveri, pane e legumi. Ma ora l’entusiasmo arriva dalle vittorie in sequenza. Ieri è stata la volta di Al-Qaryatayn, una cittadina in una zona montuosa fra Homs e Palmira. L’Isis l’aveva presa nell’agosto del 2015 e aveva portato via 230 ostaggi. Dopo la liberazione di Palmira gli islamisti sono rimasti isolati e hanno dovuto cedere. Le bandiere nere si allontano da Damasco. Assad sta vincendo la sua scommessa.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →