Abitare la trasformazione della storia

16 maggio 2016 12:25 45 comments

Di Giancarlo Maria Bregantini

15 aprile 2016

ladige.it

Due i sentimenti, in questa Domenica di Pentecoste. Opposti. Ma necessari entrambi, sul piano della riflessione. Come un dito indice puntato. O per indicare un oltre. O per ammonire. Niente infatti è più efficace per comunicare una reazione quanto l’indice diretto, che non lascia dubbi. Anche la storia oggi ce lo rivolge. Per comunicarci che cosa capiremo un domani, man mano che andremo avanti.

Di fronte all’approvazione delle Unioni Civili alla Camera, ognuno può sentire questo dito puntato, indirizzato alla propria coscienza. Come richiamo a recuperare qualcosa che sta perdendosi. Chiediamoci ora seriamente dove porterà questa autonomia individuale diventata legge! Se questo farà o no crescere davvero il nostro Paese a tutti i livelli. Nella distinzione, già fatta alla marcia del Family Day: rispetto dei diritti di ciascuno, ma dentro la custodia dei valori di tutti. In un intreccio, che ben distingue però i due piani. Che la legge, non fa!

Il dito puntato allarga poi lo sguardo all’intera società. Specie in tema di occupazione. Un uomo che da tempo ha perduto il lavoro, sulla cinquantina, ieri, entrando in udienza in episcopio, sbuffava rammaricato e diceva: Ma guarda un po’, questo governo… poco pensa a noi disoccupati, che abbiamo perso il lavoro… e va a pensare a problemi non così urgenti, come le unioni civili!

I diritti del singolo non possono assoggettare un intero sistema politico, che invece di creare posti di lavoro o accogliere gli immigrati, s’impegna a capo fitto in questioni che lasciano senza dubbio un grande vuoto valoriale. Soprattutto in chi verrà. Nelle prossime generazioni. Chiediamoci che Paese stiamo lasciando loro? Un deserto o un’agorà di dignità vera? Il presente sta al futuro come il fuoco sta alla fiamma. L’amore disordinato sta al fallimento, come la disarmonia sta al decadimento.

Il nostro presente è una sfida crescente. Non ci lascia riposo. E’ come trovarci a percorrere con occhi sempre nuovi lo stesso sentiero che abbiamo percorso tante volte. Cosa ci porta a questo? Il desiderio di migliorarci, di valorizzare ciò che abbiamo sciupato? E soprattutto il bisogno di recuperare il rimanente, o ciò che abbiamo dato per scontato o trascurato o lasciato lungo il tragitto, fatto di corse, spesso distratte e affannose.

Ho quasi l’impressione che questa legge è come percorrere un binario morto. Non porta pane, né lavoro né figli né famiglie unite né scuole che pullulano di speranza. Una vita che si proietta in avanti è quella che scopre di avere oltre alle radici anche un fine cui tendere, per cui spendersi, per cui scommettere tutto. Perché è l’eterno gioco del riempimento e dello svuotamento. Il primo è riservato a quei momenti in cui ci vediamo protagonisti di conquiste, di successi, di mete raggiunte. Il secondo è quello che ci ferisce con delusioni, disfatte, angosce. Ciò che conta è fare costante riferimento a Colui che viene in aiuto alla nostra debolezza (Rm 8,26).

Cioè allo Spirito Santo che io chiamo l’Accompagnatore. Colui che ci guida, che ci pone la mano di Dio sul cuore e ci aiuta a solcare la vita in tutte le sue salite e le sue discese. Oggi è Pentecoste, la festa in cui cadono tutte le barriere e il Corpo mistico di Cristo che è la Chiesa riceve il soffio vitale della Trinità. E’ l’evento che ci fa sentire che lo zelo ci divora (cfr. Sl 69,10) in un nuovo principio di vita, di unità. A seguito della Pentecoste la Chiesa si scopre culla della comunione universale, sapendo guardare alla verità che nessuno si salva da solo. Ma solo se unificato agli altri. In una diversità che si fa ricchezza, proprio perché rispettata nella sua naturalità.

Straordinario è in questo giorno l’inno delle lodi che troviamo nel breviario, perché ci spiega cosa è avvenuto e cosa ogni giorno esprime lo Spirito Santo in noi e per noi. Lo Spirito Santo è “la fiamma risplende nel cenacolo” che giunge nel cenacolo come “una mistica ebbrezza che tocca le lingue e i cuori”. E’ il grembo che accoglie “le primizie dei popoli”; è la potenza che “riscatta gli schiavi”; è il soffio rinnovatore che “ridona al mondo inquieto la giustizia e la pace”. La Sua compagnia ci riscatta da ogni isolamento, perché dona compimento alla nostra perseveranza nel bene. Profetizziamo, allora, questa luce di sapienza, di fortezza, di pietà, di amore ricordando quello che ci dice Papa Francesco: Il profeta è un uomo di tre tempi: promessa del passato, contemplazione del presente, coraggio per indicare il cammino verso il futuro.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →