“Nuovi” diritti, “vecchi” doveri. Serve una «battaglia di esperienza»

1 giugno 2016 13:21 1 comment

Di Benedetta Frigerio

27 Febbraio 27, 2016

tempi.it

“Il tema dei diritti nel contesto odierno”. Con questo titolo si è svolto giovedì sera a Milano l’incontro tra il vescovo di Ferrara-Comacchio, Luigi Negri, e il filosofo Marcello Pera. Commentando l’attualità – era appena giunta la notizia del passaggio in Senato delle unioni civili – l’ex presidente di Palazzo Madama ha detto caustico: «Oggi in Italia è nato un nuovo diritto: le cosiddette unioni civili fra persone dello stesso sesso equiparate al matrimonio. E non preoccupatevi se non c’è l’adozione, fra qualche mese ci penseranno i giudici ad inserirla». Anche se, ha poi aggiunto, il problema del ddl Cirinnà non è «l’adozione sì o l’adozione no», ma un impianto legislativo interamente «sganciato dal riconoscimento dell’uomo come creatura: se non torniamo qui, mi chiedo che giustificazione possiamo dare per opporci alle unioni civili».

DIRITTI SENZA LIMITI. Nel suo intervento, il professore ha criticato un certo atteggiamento della Chiesa che, a partire dal secondo dopoguerra, si è ammorbidita nei confronti dei cosiddetti diritti civili: «Cosa è accaduto nel secondo dopoguerra?», ha domandato. «Perché anche la Chiesa spesso rivendica i diritti civili, della salute o dell’ambiente se comportano un degrado morale evidente? Si possono coltivare i diritti dimenticando la sacralità dell’uomo creato?». È probabile, ha proseguito, che la Chiesa ancora non abbia compreso quale sia l’essenza della modernità che porta «intrinsecamente in sé la negazione di creaturalità dell’uomo, come dimostra la proliferazione dei diritti: io uomo mi faccio da me e quindi mi do diritti senza limiti». Ogni tentativo di dialogo non può essere che «truffaldino»: è l’illusione di chi presume si possa convivere, a patto che non vi sia alcuna «tensione alla verità». Invece, ha concluso, «occorre meno dialogo e più coraggio».

RAGIONE E FEDE. Monsignor Negri, riprendendo alcuni spunti del discorso del suo interlocutore, ha ricordato innanzitutto che, come diceva sempre don Giussani, il laicismo moderno è riassumibile nello slogan «Dio, se c’è, non c’entra». Ma, ha proseguito, «noi abbiamo il dovere di non subire i diritti umani ma di criticarli. E perciò la Chiesa li ha assunti, preoccupandosi di ridare loro il fondamento». È la grande opera che spetta ai cristiani, come ben illustrati dall’enciclica Fides et ratio: «Spiegare che la ragione ha bisogno della fede, così come il contrario». La separazione delle due porta a un laicismo imperante, da una parte, e a una fede sentimentale, dall’altra. Ma non bisogna disperare perché questa sintesi «esiste ancora nel popolo cristiano che entra nel mondo e si pone con questa identità unita», come si è visto di recente al Circo Massimo a Roma.

DECALOGO E DOVERI. Pera ha sottolineato l’urgenza da parte del cristianesimo di «riportare in prima linea il decalogo e i doveri. Se ritornassimo a parlare della loro importanza avremmo risolto il problema», perché «senza limiti il diritto diventa un mostro». Non solo, occorre tornare a proclamare la propria fede, ma non a partire dal Parlamento «dove ormai abbiamo tutti contro», ma «dall’educazione, dalle scuole, dal lavoro e dalle nostre famiglie. Dobbiamo proclamare così: “Io credo e consisto nel Dio fatto uomo, crocifisso e risorto e da qui vengono i miei diritti”». In un mondo dove tutto è anticristiano «c’è bisogno solo di una cosa: di noi e del nostro coraggio».

EDUCARCI E EDUCARE. Negri ha voluto sottolineare un aspetto importante: recuperare i doveri significa, innanzitutto, essere disposti alla conversione. «Non è una battaglia ideologica, ma di esperienza». Cioè mostrando che la sequela della vita cristiana ha una sua convenienza affascinante: «Va mostrato che la nostra vita è bella perché, come disse Giussani, la fede c’entra con il mangiare, il bere, il dormire». Questa testimonianza deve essere evidente anche «pubblicamente: pensare di combattere una battaglia simile senza mettere in gioco la propria identità è illusione o follia. Infatti, mostrandoci pubblicamente potremmo anche perdere la battaglia sul piano politico, ma avremo comunque dato alla società un apporto positivo con cui misurarsi».

Per questo, «per liberarci dal pensiero unico dobbiamo educarci ed educare». L’educazione, infatti, è l’antidoto all’individualismo e all’indifferenza perché «nasce dalla passione per l’uomo, che si impara aderendo a chi ha avuto passione per noi», a chi «contro ogni scetticismo ci ha mostrato il volto della Madre e della maestra». Negri ha concluso ricordando che Dio fa sempre delle grazie «a questo popolo: se nel Medioevo fu quella del successo sociale della fede, ora potrebbe concederci di essere suoi martiri».

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →