La zattera della medusa: le 4 fasi della Chiesa

14 giugno 2016 08:48 2 comments

Di Marco Sambruna

14 giugno 2016

http://www.papalepapale.com/rubrica/la-zattera-della-medusa-le-4-fasi-della-chiesa/

Un’introduzione ad Apertis Verbis.

Volendo tracciare un elementare percorso storico possiamo dire che le vicende recenti della Chiesa si possono interpretare secondo varie categorie: secondo alcuni osservatori il cammino della Chiesa consiste in una progressiva ascesa, secondo altri in un regressivo decadimento.

Schematicamente, la dinamica che presiede al cammino della Chiesa nel mondo si può riassumere in 4 tappe:

Fase della resistenza: la Chiesa oppone il Regno di Dio al cosiddetto mondo. È la fase del conflitto acuto, irreducibile. In questa fase si inserisce l’antagonismo della Chiesa verso determinati episodi storici quali quelli, ad esempio, del conflitto fra papato e impero durante il medioevo, tra guelfi e ghibellini, tra Chiesa e rivoluzione francese, fra Vaticano e kulturkampf.

Fase della resilienza: da fine Ottocento circa al Concilio Vaticano II la Chiesa passa da una strategia di resistenza a una di resilienza in cui anziché lo scontro frontale prevale il tentativo di reagire non più con gli strumenti dell’apologetica o dell’anatema, ma con quelli della diplomazia e della convenienza politica; in questa chiave si possono leggere le convenzioni col nascente stato italiano unitario e i grandi concordati coi regimi totalitari del Novecento.

Fase della desistenza: dal Concilio Vaticano II la Chiesa accetta in un certo senso, di consegnare le armi. Soggiace in maniera sostanzialmente supina alla profanazione, alla desacralizzazione e infine alla dissacrazione del sacro operato dal nuovo demiurgo laicista e relativista che si va consolidando.

Fase del collateralismo: è il momento che sembra caratterizzare la storia recentissima della Chiesa: ampi settori del mondo cattolico decidono di sostenere alcune delle dinamiche laiciste in materia di morale sessuale, sacramenti, famiglia, ecologia, umanitarismo.

Noi ci troviamo oggi a vivere quest’ultima fase della storia della Chiesa con un certo sgomento domandandoci come sia potuta accadere una simile deriva da un atteggiamento di resistenza a uno di collateralismo.

LA ZATTERA DELLA MEDUSA

“La zattera della Medusa” è un’opera di Theodore Gericault, anno 1818 – 1819 conservata presso il museo del Louvre a Parigi: quella che vedete nella foto principale.

Mi ha sempre affascinato per il suo chiaro valore simbolico: un gruppo di naufraghi ormai allo stremo cerca disperatamente la salvezza. Alcuni ormai esaurita forze e speranze sono proni sulla superficie della zattera incapaci di fare qualsiasi cosa, vinti dallo scoramento.

Alcuni altri formano una piramide umana che si erge verso un naufrago che agita disperatamente un cencio lacero in direzione di un’invisibile possibilità di salvezza.

Sono riusciti i naufraghi a salvarsi? Qualcuno li ha soccorsi? Non lo sappiamo.

Possiamo solo intuire che il naufragio rappresentato dall’artista è anche morale, rappresenta il disfacimento della coesione, l’abbrutimento, la voluttà di morte che attanaglia le facoltà spirituali.

Temo che quest’opera descriva simbolicamente la condizione della chiesa oggi: una zattera alla deriva in procinto di disfarsi. Le assi fradice che costituiscono la sua struttura stanno cedendo, il cordame si è allentato, la vela è lacera, i suoi occupanti sono al limite della resistenza mentre il mare tempestoso non accenna a placarsi.

Antonio Socci all’indomani della vittoria delle posizioni a favore delle nozze gay in Irlanda, considerata da sempre un formidabile baluardo contro il progredire delle conquiste della post modernità laicista paragonava la deriva della Chiesa a una valanga che precipita.

Si avverte un cupo rumore di frana, come se una montagna – effetto Bergoglio? – stesse venendo giù.

È proprio così: si avvertono una serie di scricchiolii provenire dalle creste frastagliate della vetta. Poi una slavina si stacca e un turbinio di neve farinosa comincia a rotolare giù coinvolgendo altra neve: la slavina si trasforma in un valanga che scende a velocità impressionante travolgendo qualsiasi cosa, alberi, baite, recinzioni. Non c’è modo di fermarla, solo giunta a valle cesserà la sua azione devastante che non risparmia nulla.

LA VERGOGNA DI SE STESSI

Il più grande successo della nuova religione laicista consiste nella sua capacità di trasmettere ad ampi settori del clero e dei cattolici un sentimento di imbarazzo, di disagio, di inadeguatezza che evolve spesso in aperta vergogna rispetto a una congerie di dogmi e devozioni percepite ormai come game over, superate, obsolete.

Da questo sentimento di vergogna verso il proprio passato nasce la pulsione condizionata e istintuale, e in quanto spasmodica di natura erotica, di espiare. Espiare cosa? quelle che sono percepite come colpe, evidentemente.

Di più: tale espiazione, che sul piano operativo consiste nell’autodemolizione del Magistero cattolico reo di ostacolare il processo di adeguamento della Chiesa alla visione dell’uomo laicista, avviene in forme quasi masochistiche; sembra cioè procurare dei sottili brividi di godimento e una specie di voluttà di morte dannunziana in quegli uomini di chiesa protagonisti dello smembramento della metafisica cattolica.

Il demiurgo laicista ha condannato la Chiesa a espiare le sue colpe in una sorta di purgatorio e parte significativa della gerarchia ha accolto con feroce entusiasmo e rantolii di goduria questa condanna.

Queste le condizioni del patto: il regime laicista pretende che la Chiesa abiuri dalla propria storica avversione al mondo concedendo in cambio la possibilità di espiare in una dimensione purgatoriale le sue vergogne anziché condannarla ad una aperta persecuzione di matrice infernale.

A causa di questo sentimento di vergogna e della conseguenza voglia di espiare, parte della gerarchia cattolica è impegnata con zelo quasi maniacale a chiedere scusa a qualsiasi realtà con cui abbia conflitto in passato: al laicismo relativista, ma poi anche ai vassalli di quest’ultimo come la varie organizzazioni mondialiste, ai luterani, ai valdesi, ai poveri in generale come se la Chiesa in passato avesse ignorato le loro sofferenze, etc.

APERTIS VERBIS

In questa rubrica si parlerà dunque prevalentemente, ma non esclusivamente, del demiurgo laicista che, quasi di soppiatto, sta rapidamente edificando se stesso sulle macerie autodemolite della Chiesa cattolica.

Apertis Verbis esaminerà dunque con piglio diretto e linguaggio abbastanza politicamente scorretto la nuova religione laicista nei suoi elementi costitutivi:

- Il relativismo come filosofia;

- Il laicismo come libertarismo legislativo;

- Il nichilismo come condizione esistenziale;

- La secolarizzazione come abolizione della religione dallo spazio pubblico;

- Il conformismo come adesione condizionata al pensiero unico;

- Il rumore sociale prodotto dai mass media come veicolo di propaganda della nuova religione.

Infine il nome di questa rubrica “Apertis Verbis”, cioè “chiaro e tondo”, non indica soltanto quella che sarà la nota saliente dei miei interventi, ma è anche un invito a esprimere dei commenti aperti al confronto che stimolino la ricerca, approfondiscano il pensiero e mantengano vivo il dibattito.

 

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →