La natura missionaria della carità intellettuale

20 settembre 2016 08:16 10 comments

Share this Article

Author:

redazione

CENTRO CULTURALE INTERNAZIONALE “JOSEPH RATZINGER” INTERVISTA AL PRESIDENTE

Di Vittoria Todisco

16 settembre 2016

Il cuore che ama, in mezzo alle tante voci assordanti e spesso confuse di questo mondo,comunica sempre più delle parole. L’impegno di testimoniare la propria appartenenza alla Chiesa, costituisce oggi il dovere principale della missione dei laici e della loro coscienza impegnata nel mondo. Il Centro Culturale Internazionale “Joseph Ratzinger” riaccende il motore e pone l’accento su programmi contenutistici e prospettive future fresche e lungimiranti. Nell’intervista alla Presidente del Centro, la filosofa e scrittrice Ylenia Fiorenza, esemplificativa è la necessità di fondare con maggiore determinazione e con spirito appassionato, in questo nuovo anno, la natura missionaria della carità intellettuale, come forza di umanizzazione nella cultura attuale, su cui si basa la realtà e il percorso formativo del Centro. Le sue dichiarazioni verteranno acutamente sulla frontiera del radicamento dell’identità cristiana, dove la figura del Vicario di Cristo è dentro la storia come riferimento della vita activa del Vangelo e mai ripiegamento su poteri e compromessi mondani. Tanti gli eventi in calendario per il Centro. Saranno celebrati in forma particolare i novant’anni di Ratzinger e i cinquant’anni di una delle encicliche che hanno fatto la storia nell’epoca post Concilio Vaticano II, la Popolorum Progressio, di Papa Montini, che proprio quarant’anni fa nominò cardinale lo stesso Ratzinger, poi eletto Papa, come lui, col nome di Benedetto XVI.

Inizia per il Centro Culturale Internazionale “Joseph Ratzinger” un nuovo anno e un itinerario ancora più fondato su temi cruciali ed eventi importanti. Ci anticipa qualcosa?

Il 2017 sarà un anno decisivo per il Centro. Entriamo nel terzo anno di vita e questo ci coinvolge ancora di più, perché si fa sempre più impegnativa la chiamata a maturare il nostro cammino nel “desiderium veritatis”, che, in fondo, non è altro che la nostra umile e decisa partecipazione alla vita di Grazia, dove la luce passa dalla nostra ragione che comprende, al cuore che poi la crede e la conserva sotto forma di testimonianza attiva. Ci stiamo, infatti, adoperando a concretizzare, oltre agli incontri di studio e approfondimento, tre eventi. Festeggeremo prima di tutto i novant’anni di Ratzinger. Poi i dieci anni del “Gesù di Nazareth”, il primo libro pubblicato e firmato come Benedetto XVI, dopo la sua nomina a pontefice. E siamo quasi pronti a presentare come iniziava nascente la rivista “VERITATIS AEDIFICANTES” PERCORSI RATZINGERIANI. E’ un progetto che ci permetterà di promuovere una più incisiva diffusione del pensiero di Ratzinger, chiedendo la collaborazione di esperti e appassionati. Sono certa che sarà un dono per la Chiesa e un’attesa avverata per i laici che, come noi, si lasciano attrarre da pagine così illuminanti. E’ vero, comunque, che siamo nella disposizione di lasciare a Dio l’iniziativa. E’ Lui che ci conduce.

Che significa per Lei questo studio sul Magistero cattolico e in particolare su Ratzinger?

Respirare il poema dell’annuncio che Cristo ha affidato alla Chiesa, come sua irrevocabile missione e sua unica vita, è come rimettere in moto le origini stesse dell’umano che passano attraverso i gemiti del divino, che troviamo nel nostro cercare, nel nostro anelare,e su cui la vitalità dello Spirito soffia per accendere, risvegliare e rimotivare. Ho sempre guardato al Papa come allo Sposo visibile e presente della Chiesa, della comunità cristiana, che rivela tutto l’amore di Cristo all’Umanità e avanza nel tempo e nella storia nel nome e a nome del Dio abbracciabile. Quello del Papa è un esserci qui e ora davvero sacramentale. Perché è Cristo in persona che ha generato il Papa. Per questo non si può non amarlo, non ascoltarlo, non seguirlo! Lo studio attorno ai Papi, specialmente a questi che hanno segnato il passaggio dalla modernità alla contemporaneità, è per me un vincolo indissolubile con il Vangelo, che loro ci traducono in tenerezza, insegnamento e profezia. Il papato non è un esercizio dell’autorità, quanto piuttosto della carità, che si adopera appunto a far arrivare l’amore di Dio a tutti e sempre nella luce della Verità. I Papi continuano ad aprire le porte del cenacolo e a muovere la barca della Chiesa verso la sete dei cuori degli uomini del nostro tempo, in una perenne Pentecoste. Quest’anno che ricorre anche il 50°annivresario della prima enciclica sociale dopo il Concilio Vaticano II, la Populorum Progressio, di Paolo VI, terremo un convegno attorno a questa figura così straordinaria. Anche perché Ratzinger ricevette la porpora da Paolo VI, nel 1977. E celebreremo anche questi quarant’anni di dignità cardinalizia dello stesso Ratzinger che, nell’omelia del 10 agosto 1978, cioè quattro giorni dopo la sua morte, definì Montini come colui che “si è lasciato portare sempre più dove umanamente, da solo, non voleva andare”, proprio perché “sempre più il pontificato ha significato per lui farsi cingere la veste da un altro ed essere inchiodato alla croce”. E per questo Ratzinger, sempre riferendosi a Montini, dichiarò che “fu la sua fede profonda a renderlo credibile e capace di sopportare le opposizioni”. Indimenticabile per me è il fatto che è stato proprio Papa Francesco a beatificarlo il 19 ottobre 2014 . Vedo davvero molta continuità e comunione tra loro che ritengo grandi nell’incarnare le novità di Dio.

Cosa tiene vivo il Cristianesimo?

Il suo restare legato alla Vita che è il Risorto. Solo così il Cristianesimo si presenta al mondo non tanto come qualcosa di episodico, una memoria ingiallita, quanto ancora come evento fluente, che, nella Parola viva, trasfigura tutte le cose e accade ancora e ancora come amore che vince sul male e sulla morte. Ratzinger ci ha sempre esortati a “non cedere alla tentazione di ridurre l’evangelizzazione ad un progetto solo umano, sociale, nascondendo o tacendo cioè la dimensione trascendente della salvezza offerta da Dio in Cristo”.

E lo tiene acceso la domanda su Dio, sulle promesse del Suo Regno, come una fontana che continua a scorrere e a corroborare tanto le valli quanto i deserti dell’anima umana. E poi, sicuramente, anche la capacità di sperare e aiutare a sperare, sotto il patrocinio dello Spirito Vivificatore, del saperci amati da Dio. I credenti mantengono vivi il Cristianesimo e la cristianità, proprio perché sanno cosa significa “Rinascere dall’alto” e che il vero potere consiste nelle mani aperte e non nei pugni chiusi. Non basta riportare gli insegnamenti di Cristo. Occorre vivere come Lui ha vissuto le relazioni, le fatiche, le persecuzioni, gli affetti, i vari contesti. E riferire ogni cosa pensata, sentita, seminata e operata, sempre a Lui. Perché il quarto Vangelo nella vicenda commuovente della risurrezione di Lazzaro, ci svela questo segreto sussurrandoci che: “Chi vive e crede in Lui, non morrà”. Credere in Lui deve essere già un vivere come Lui. Per mai morire.

::

Leave a Reply


Other News

  • Cultura Primo Piano Società Quella porta aperta sulla tentazione

    Quella porta aperta sulla tentazione

    Di Giancarlo Maria Bregantini 5 marzo 2017 L’Adige È necessario, a volte, nella vita lasciare aperta al dubbio almeno una sola finestrella, senza barricarci definitivamente in certezze incondizionate e troppo sicure. Ritengo, infatti, che non è sempre salutare il sottrarci a tutti i dubbi. Un dubbio ci risana e ci permette di chiederci, con umiltà, “Ma è giusto quello che sto facendo?”. Io spero che in tutti ci siano quei dubbi che ci mantengano svegli, mai assopiti in quel che [...]

    Read more →
  • Attualità Primo Piano Rassegna Web Agire in presenza della coscienza

    Agire in presenza della coscienza

    Di Giancarlo Maria Bregantini 19 febbraio 2017 ladige.it Ogni giorno è una sfida. Siamo fatti per non risparmiarci al faccia a faccia con il mondo, con le sue complessità, con quella realtà che sempre più s’infittisce. Anche quando all’orizzonte spuntano notizie incresciose, come l’ultima lanciata dal Parlamento Europeo di rinforzare ciecamente il fondo internazionale per quelle organizzazioni che hanno come progetto quello di rendere più facile l’accesso all’aborto legale. Addirittura, dopo la ferma decisione del presidente Trump di negare fondi [...]

    Read more →
  • Cultura Primo Piano Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Joseph Ratzinger: l’Eremita Bianco.

    Di Vittoria Todisco 1 febbraio 2017 Il Quotidiano del Molise Benedetto XVI, il Papa emerito, nel pomeriggio della Giornata della Memoria, il 27 gennaio scorso, in Vaticano, ha accolto la dott.ssa Ylenia Fiorenza, presidente del Centro Culturale Internazionale ‘Joseph Ratzinger’ di Campobasso. Un avvenimento speciale che merita di essere condiviso attraverso l’emozione e il racconto della giovane filosofa, fondatrice del Centro a lui dedicato, che ha potuto vivere un momento unico accanto a Joseph Ratzinger, il grande teologo conciliare, prefetto [...]

    Read more →
  • Attualità Rassegna Web Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Il caos delle migrazioni, le migrazioni nel caos

    Di Lorenzo Bertocchi La Verità, 23 dicembre 2016 vanthuanobservatory.org CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Cultura Rassegna Web Matrimonio e libertà

    Matrimonio e libertà

    Di Carlo Caffarra Avila (Spagna), 8 novembre 2016 costanzamiriano.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    L’immigrazione è una politica per distruggere l’Europa Cristiana

    Di Ettore Gotti Tedeschi 11 gennaio 2017 rivistaetnie.com CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente [...]

    Read more →
  • Osservatorio ecclesiale Rassegna Web “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    “Solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Intervista al cardinale Caffarra

    Di Matteo Matzuzzi 14 Gennaio 2017 ilfoglio.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →
  • Rassegna Web Società Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Suicidi da divorzio: le storie tabù degli adolescenti

    Di Benedetta Frigerio 15 gennaio 2017 lanuovabq.it CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO   I diritti degli scritti presenti in questo sito sono di esclusiva proprietà dei rispettivi autori e/o editori. Tutti i loghi e marchi presenti in questo sito sono proprietà dei rispettivi proprietari. Tutto il materiale presente su civitas.it è pubblicato a scopo non lucrativo informativo e/o documentale in totale buona fede d’uso. Chiunque avesse eccezioni o vantasse diritti di copyright e volesse farli valere è pregato vivamente di [...]

    Read more →